Agnone, tra nuove idee e progetti c’è la biblioteca comunale

82

agnone vista aereaAGNONE – L’Università delle Generazioni ha appreso dalla stampa locale che (forse in previsione delle prossime elezioni comunali) una forza politica ha aperto sulla via principale di Agnone una sede per incontrare i cittadini e, in particolare, per chiedere loro di avanzare idee, proposte e progetti per il territorio. L’associazione culturale agnonese (che guarda alle generazioni passate, presenti e future) fin dalla data di inizio della sua attività (ottobre 1993) non ha fatto altro, finora, che avanzare idee, proposte e progetti con tale e tanta passione civile e in modo così accorato da realizzarne alcuni prototipi a proprie spese o, a volte, in collaborazione con altri, come, ad esempio, l’aver chiamato in Alto Molise, sabato 9 e domenica 10 maggio 2014, ben 14 giornalisti della Stampa Estera in Italia per cercare di contribuire così ad arginare lo spopolamento e lo sgretolamento delle proprietà edilizie e rurali e per avviare una più efficace internalizzazione e rivitalizzazione complessiva dell’intero comprensorio. Ma fu inascoltata e persino avversata, cosicché tutto finì nel nulla, tra tante inutili polemiche, come è ormai amaro costume locale.

“Adesso, tramite il suo responsabile Domenico Lanciano, l’Università delle Generazioni si permette (poiché è in grado di farlo) di dare un suggerimento a chiunque (nessun escluso, di qualsiasi colore e tendenza) intenda lavorare seriamente e non demagogicamente per Agnone e l’Alto Molise. Vada alla Biblioteca Comunale! Lì troverà idee, proposte, progetti non soltanto prodotti in tempi recenti, ma già da quasi 150 anni, da quando cioè il dibattito agnonese è stato documentato dai giornali dell’epoca e da quei personaggi che si sono presi la briga di scrivere e pubblicare libri ed opuscoli sul benessere di Agnone e dintorni. C’è tutta una tradizione e una letteratura in proposito! Basterebbe sfogliare soltanto “L’Eco dell’Alto Molise”.

Lo stesso Domenico Lanciano, la scorsa primavera (in pieno Covid-19), ha rilanciato con tutti i mezzi possibili in quel periodo, il lungimirante opuscolo “Lettere all’Alto Molise” riportate da gran parte della stampa regionale qualche anno fa. A taluni personaggi locali è stato inviato persino via email. Chi lo desidera, vada alla tipografia Antonio Litterio – Via Roma 27 tel. 0865-78931 – e se lo faccia stampare (deve pagare soltanto la carta). Solitamente chi si mette in politica o pretende di amministrare un territorio dovrebbe andare prima andare a sudare sulle carte delle generazioni precedenti. Infatti, la qualità degli amministratori e della loro azione pubblica non nasce dall’improvvisazione o dalla semplice attualità.

Quindi, chi veramente ama Agnone, dimostri di amare pure le generazioni precedenti che tanto hanno pensato e lavorato per questa città e per il suo territorio. Agnone, tra l’altro, dal 1910 ha una bella, ricca e attrezzata Biblioteca Comunale (ma ha pure la Biblioteca Emidiana ed altri siti di memoria storica, compresi gli anziani ancora viventi, vero archivio sociale, e i competenti, non ultime le associazioni e prestigiosi studiosi locali). Lì c’è una miniera di idee, proposte e progetti. E a proposito di miniere, l’Università delle Generazioni coglie l’occasione per ricordare quei 262 minatori (di varia nazionalità) morti nel disastro della miniera di carbone di Marcinelle, in Belgio, proprio 64 anni fa (08 agosto 1956). Tra di loro ben 136 italiani, di cui parecchi abruzzesi e 7 molisani, anche della vicina comunità Sant’Angelo del Pesco. Anche costoro lavoravano, molto faticosamente e a rischio della propria vita, per un’Europa migliore! Ed è certo che scavando tra le carte e la memoria storica nelle Biblioteche-miniere non si rischia di morire!”.