Alessandra Martinelli e Aldo Succi presentano i loro libri a Macchiagodena

75

Il 23 e il 24 luglio 2021, alle 18,30 per “Genius Loci. Portami un libro e ti regalo l’anima” saranno illustrati i libri Le Compine e Il Nido dell’acquila

alessandra martinelli scrittriceMACCHIAGODENA – Per venerdì 23 e sabato 24 luglio doppietta di libri e di autori a Macchiagodena: arrivano Aldo Succi e Alessandra Martinelli. Venerdì 23 luglio 2021, alle ore 1830, il nuovo appuntamento rientrante nell’esclusivo progetto del Comune di Macchiagodena denominato “Genius Loci. Portami un libro e ti regalo l’anima” è con lo scrittore Aldo Succi. L’autore presenterà nel paese della provincia di Isernia, nella Biblioteca Comunale, il libro Destinazione: il Nido dell’Aquila. Tra fantasia e realtà (Sicrea Libri – Ema Pesciolinorosso). Prima della presentazione del libro, Succi spiegherà e reciterà il V Canto dell’Inferno.

Il giorno dopo, sabato 24 luglio, sempre alle ore 18,30, in Piazza Ottavio De Salvio, la scrittrice Alessandra Martinelli presenterà il libro Le Compine (Albatros), modererà il dottore Vincenzo Ciccone, con la partecipazione di Novella D’Uva, illustratrice del libro.

Introdurrà e saluterà il primo cittadino di Macchiagodena, Felice Ciccone. Gli eventi letterari si terranno in Piazza Ottavio De Salvio, in caso di cattivo tempo nella Biblioteca Comunale.

LIBRO DI ALDO SUCCI

Destinazione: il Nido dell’Aquila. Tra fantasia e realtà (Sicrea Libri – Ema Pesciolinorosso)

Pedro, 28 anni e catalano di nascita, è orfano di padre a 10 anni. La madre si unisce ad un altro uomo ed emigra in Inghilterra. Pedro, abbandonato al suo destino, conduce una vita travagliata. Per cattiva amicizia viene coinvolto in una rapina in una banca. Arrestato e condannato a quattro anni e due mesi di reclusione, divide la cella con Francisco di 52 anni, condannato a 42 anni per duplice omicidio. A guerra finita Hans emigra in Argentina con l’aiuto dell’Odessa, e diventa Francisco Suerte. Da racconti di suoi commilitoni intuisce che due delle casse nascoste, quelle più piccole, contendono oro. Condannato a 42 anni di reclusione, in carcere Francisco è il “Veterano”, rispettato da tutti i detenuti e rispettoso di tutti. Considera il compagno di cella Pedro come un figlio, e decide di raccontargli la storia dell’oro e gli fornisce tutti gli elementi per la ricerca delle quattro casse. Nella cittadina di Rosenheim, Pedro riesce ad investire l’oro e i dollari presso una banca tedesca, collegata con altra banca di Barcellona. Ritornati a Manresa, i due amici trovano lavoro presso un’azienda che vende materiale di termoidraulica, aiutati dai frati francescani del convento in cui sono stati ospitati dopo la detenzione. Per volere della sorte, a Barcellona i due amici fanno conoscenza con un antiquario di nome Manuel Rivera, al quale Pedro prospetta la possibilità di mettere in vendita dei quadri, presumibilmente di valore; ovviamente, per essi è merce “pulita”.

Dalla prefazione al libro di Silva Gentilini: «Aldo Succi riesce a trascinare il lettore in una storia che attinge a fatti realmente accaduti, portandolo dentro il mondo di un protagonista che, apparentemente, non ha nulla del tipico eroe letterario. Ma lo fa con la leggerezza e la maestria delle grandi penne, quelle che lasciano il segno nella letteratura, dal ritmo narrativo incalzante. Con questo romanzo d’azione l’autore ci porta alla fine degli anni Sessanta, in luoghi descritti minuziosamente, coinvolgendo il lettore nelle avventure, la progettualità e l’ambizione del suo protagonista. Ma la storia è molto altro».

Aldo Succi

Aldo Succi è nato a Isernia il 19 giugno 1948 e ivi risiede sin dalla nascita. Dopo avere frequentato il Ginnasio-Liceo Classico “Onorato Fascitelli” di Isernia, si è laureato in Scienze Geologiche presso l’Università degli Studi “Federico II” di Napoli. Nel gennaio 1975 è militare di leva presso la Base Nato di Ghedi (Bs) e dal 16 settembre 1977 esercita la professione di Geologo Specialista. È il primo geologo che la Città di Isernia annovera fra i suoi cittadini e molti sono i giovani neolaureati in Scienze Geologiche che, anche da altra regione, frequentano il suo studio per prepararsi all’Esame di Stato di Abilitazione all’esercizio della professione. Nell’ottobre 2014 ha ricevuto dalla Camera di Commercio della Provincia di Isernia il “Diploma con medaglia d’oro per l’instancabile impegno e qualificato contributo alla diffusione della cultura geologica locale, alla salvaguardia dell’ambiente e alla tutela delle risorse idrogeologiche del territorio molisano”. Il 2 giugno del 2020 è stato insignito dell’Onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana dal Presidente Sergio Mattarella. Attualmente ricopre la carica di Componente del Consiglio di Disciplina Territoriale dell’Ordine dei Geologi della Regione Molise.

LIBRO DI ALESSANDRA MARTINELLI

Le Compine (Gruppo Albatros Il Filo Editore, 2019, pagine 38, euro 9, Collana: Fabulae)

«Nel mondo dei sogni di Compinolandia vivevano tre graziose compine: la Compy Mora, la Compy Compy e la Compy Blonde [..] Le tre grandi amiche vivevano insieme nel tronco dell’albero maestro nella foresta di Randhall [… ] quello sì che era un posto incantato, il mondo dei sogni di tutti i bambini dove, allo scoccare delle 22, prendevano magicamente vita…».

Leggere significa vivere nella totale libertà di espressione e di interpretazione. Si ha la possibilità di essere l’uno e poi l’altro, di provare emozioni nuove e inaspettate, di scoprire mondi e persone, fino a quel momento sconosciuti. La lettura è, dunque, condivisione di sentimenti e di esperienze. È esattamente questo il pilastro su cui si erge il libro Le Compine di Alessandra Martinelli. Un viaggio in cui le tre piccole amiche vedranno concretizzarsi i propri sogni. Desideri che si realizzano e vite che si intrecciano. Il mondo onirico, intessuto della magia della fantasia in cui tutto è possibile, farà i conti con il mondo reale, intrinseco, nel novero di una serie di impedimenti che rendono difficile il raggiungimento di un obiettivo e (quindi) della stessa felicità. Il limite imposto da noi stessi rappresenta il vero ostacolo che nel racconto si piega alla determinazione e alla tenacia delle protagoniste. La Compy Blonde, la Compy Mora e la Compy Compy faranno un salto in Paradiso, scandito dall’incontro con il papà della Blonde, un giro sulla barca volante avvolto dalla melodiosa voce della Mora e una gita nel modo di Attròg dove la Compy Compy troverà il vero amore. Destinatarie di una missione importante, ricevuta in carico da tre Angeli al termine della loro magica avventura, le tre compine diventeranno dispensatrici di Speranza, Amore e Protezione.

Vincitrice del terzo posto, nella sezione silloge, racconti, fiabe del sesto concorso internazionale di poesia e narrativa città di Cefalù 2020/21, l’opera si pone come viaggio interpersonale ed esorta il lettore a vivere a colori, a credere sempre nei sogni e a non arrendersi mai.

Alessandra Martinelli

Alessandra Martinelli è una giovane di 35 anni, vive a Carpinone, un piccolo paese in provincia di Isernia. Laureata in Lingue e Letterature Moderne, insegnante di danza e segretaria di studio medico, è pronta ad incamminarsi in esperienze sempre nuove, alla ricerca di una realizzazione personale e professionale. Attualmente è impegnata nella stesura di un nuovo libro. Le Compine è il suo primo elaborato, una fiaba per bambini, esperienza condivisa con l’illustratrice del libro Novella D’Uva, amica e collaboratrice. Racconto fatto di reali emozioni, è ispirato alla vera e profonda amicizia che da sempre la lega a Morena T. e Daniela P., amiche con le quali ha pianto, gioito e vissuto momenti importanti della vita.

Le giornate dedicate alla cultura, e ai libri in particolare, vedono l’Amministrazione comunale locale lavorare in sintonia con il network Borghi della lettura e la Pro Loco di Macchiagodena.