Attivato il Centro Opertivo Comunale a Pietracatella

142

coc comunale

Il Sindaco: “un ufficio essenziale per le decisioni da assumere durante questo periodo di emergenza sanitaria”

PIETRACATELLA – Attivato con Delibera di Giunta il Centro Operativo Comunale (C.O.C.) per l’emergenza Covid-19 a Pietracatella in questo periodo delicato di crisi sanitaria ed economica. Questo uno dei primi atti importanti della Giunta di Pietracatella a guida del Sindaco Antonio Tomassone.

“Per l’attuazione della funzione di Protezione Civile – dice Tomassone – il Sindaco si avvale della struttura del Centro Operativo Comunale (C.O.C.). La struttura è costituita con provvedimento formale nel quale sono indicati la sede e membri, nonché le modalità di funzionamento dell’attività dell’ufficio”.

La struttura organizzativa del C.O.C è di tipo gerarchico: al vertice il Sindaco, con compiti di coordinamento generale, assieme ai membri della Giunta comunale, Angiolillo e Santoro; seguono i responsabili delle funzioni di supporto, amministrativo e tecnico, che si riferiscono al sindaco e coordinano le attività e gli addetti relativi alle funzioni stesse. Le funzioni di supporto sono finalizzate ad organizzare e svolgere le attività necessarie ad affrontare le criticità che si manifestano nel corso dell’evento calamitoso in questo caso del coronavirus.

Fanno parte del C.O.C. anche figure professionali tra cui il medico di base, dr. Pietro Scocca, il medio Resp.le di Igiene e Sicurezza ASREM per la zona del Fortore, dr. Salvatore Russo, il medico del Dipartimento Unico Prevenzione ASREM, dr. Fabio D’Amico, il dott. Gianpiero Mastrogiorgio, prof. a contratto (Infermieristica Preventiva e Sicurezza) UNIMOL e Cattolica, e infine il Comandante della Stazione dei Carabinieri di S. Elia a Pianisi.

“In questi giorni con il C.O.C. stiamo valutando la riapertura delle Scuole oltre a monitorare la situazione Covid-19 in Comune. – dice il sindaco Tomassone – Un modo questo per venire incontro alle esigenze della cittadinanza e per poter dare ancora più tranquillità nella lotta ad un nemico invisibile, quale il virus, che sta mettendo in ginocchio sia l’Italia che il Molise”.