Campobasso, accordo territoriale per i canoni concordati: firmata l’intesa

33

suniaCAMPOBASSO – E’ stata firmata una importante intesa tra le associazioni dei proprietari di case e i Sindacati degli inquilini che avrà significativi benefici per il settore immobiliare di Campobasso. Si tratta di una modifica che fa parte integrale dell’accordo territoriale per i canoni concordati, sottoscritto nel mese di giugno 2020. Si legge nella nota del Sindacato Unitario Nazionale Inquilini e Assegnatari dell’Abruzzo Molise.

“Si ricorda che il regime dei canoni concordati consente ai proprietari di locare a un canone inferiore a quello che sono i prezzi di mercato ricevendo quali benefici la riduzione della base imponibile per irpef e imposta di registro; la riduzione IMU e Tasi; la cedolare secca al 10%. Mentre per gli inquilini, oltre a godere di un canone di affitto inferiore a quello di mercato, sono previsti detrazioni fiscali Irpef in sede di dichiarazione dei redditi.

I benefici previsti possono interessare anche i contratti di locazione per studenti e lavoratori fuori sede.

Il Regime del canone concordato prevede al suo interno, per aree urbane e caratteristiche qualitative dell’alloggio del Comune di Campobasso, specifiche fasce di oscillazione massimi e minimi che determinano il canone finale di locazione.

L’integrazione prodotta con l’intesa del 14 gennaio 2021 consente, alla luce della situazione emergenziale causata dal Coronavirus, di poter procedere all’attestazione di un contratto di locazione anche se di importo inferiore a quello previsto dalla fascia di appartenenza dei singoli immobili.

Un intervento concreto che è destinato a produrre importanti vantaggi economici per coloro che sono alla ricerca di una casa in affitto a un canone sostenibile e compatibile con la propria condizione economica”.