Campobasso, discusse altre due mozioni in Consiglio Comunali: ecco quali

28

comune campobasso tricolore

CAMPOBASSO – Oltre alla mozione approvata all’unanimità dal Consiglio e riferita alla cittadinanza onoraria conferita al Milite Ignoto, sono state altre due le mozioni discusse oggi nella seduta online del Consiglio Comunale di Campobasso. La prima, a firma dei consiglieri di La Sinistra per Campobasso, Antonio Battista, e del PD, Chierchia, Salvatore e Trivisonno, era relativa all’inserimento della clausola sociale per il mantenimento dell’assetto occupazionale.

“Le clausole sociali di cui si parla nella mozione proposta, sono state oggetto di diversi interventi giurisprudenziali in questi ultimi anni, ed è bene averne contezza, a prescindere da tutto, come amministratori. Detto ciò, – ha dichiarato apertamente Gravina – per quello che riguarda le attività di questa Amministrazione già poste in essere e per quelle che verranno attuate anche nei prossimi atti legati a rinnovi di servizi in appalto, le clausole sociali sono già una realtà concreta che stiamo applicando nell’interesse di tutti, lavoratori e cittadini e sarebbe auspicabile che ciò venisse riconosciuto serenamente a chi sta amministrando la città.

Queste clausole, lo ribadisco chiaramente, sono già previste per ciò che riguarderà, giusto per fare un esempio, i rinnovi di appalti come quello dei depuratori, del canile municipale, del trasporto pubblico e altri. Votare a favore di una mozione che esprime un’intenzione che già questa amministrazione attua non ci comporta nessun problema, perché su temi che interessano la vita dei lavoratori e delle loro famiglie, quest’amministrazione ha sempre preferito lavorare senza contrapposizioni e sottolineature di merito politico”.

La mozione è stata così approvata all’unanimità dal Consiglio Comunale.

È stata invece bocciata con 9 voti a favore e 19 voti contrari, la mozione presentata sempre dai consiglieri Battista, Chierchia, Salvatore e Trivisonno concernente la chiusura della stazione della Polizia Locale di piazza Venezia.

“Alla base di quella decisione c’è un problema di disponibilità reali numeriche riferite al personale del corpo di Polizia Municipale. – ha spiegato il sindaco Gravina nel suo intervento – Il comandante Greco, conosce problematiche e situazioni del corpo che sta dirigendo con specchiata professionalità da mesi e, tra questi, il numero del personale a sua disposizione.

Non dimentichiamo quanto il Covid abbia impegnato la Polizia Locale in modo massiccio in strada soprattutto in questo lungo periodo pandemico e devo ringraziare gli agenti per quanto da loro fatto quotidianamente e per l’impegno messo in campo senza esitazione.

La chiusura della stazione di piazza Venezia è una chiusura temporanea – ha aggiunto Gravina – dovuta, come detto, al fatto che l’organico attuale della Polizia Locale non ci consente di tenere aperto un presidio che ha bisogno di altro personale da dislocare negli uffici. A breve – ha poi anticipato il sindaco Gravina – parteciperemo a un bando della Regione Molise, Pon Governance 2014/2020, un bando regionale su base ministeriale, Ministero della Giustizia, che prevede la cosiddetta giustizia di prossimità e ragionandone anche con il comandante ho previsto di poter articolare un tale servizio di prossimità sul territorio cittadino. Si tratta di un programma avviato a livello nazionale, il Molise non aveva ancora risposto ma la settimana scorsa abbiamo avuto una proficua riunione in merito. Il comandante sta intanto cercando di studiare la migliore soluzione possibile tenendo conto delle competenze dei singoli comandi distaccati sul territorio e ciò, credetemi, è indispensabile, altrimenti si perde efficienza nell’azione”.

Nel pomeriggio è stata anche approvata, con 20 voti a favore, 2 contrari e 2 astenuti, l’ultima proposta di delibera, ovvero quella riferita all’affidamento ad “Agenzia Entrate – Riscossione” solo della riscossione coattiva delle entrate tributarie.

Il consiglio comunale è stato aggiornato, per la prosecuzione dei lavori in seduta ordinaria in prima convocazione, a domani, mercoledì 30 giugno, alle ore 8.30.