Campobasso, donati a vari Misteri i “simboli” del Corpus Domini

53

Rispettata la tradizione anche per l’edizione 2020. L’Associazione dei Misteri e Tradizioni ringrazia il Caseificio Monforte, il Panificio Eredi Palazzo e Fior’Arte

CAMPOBASSO – “Anche quest’anno la tradizione è stata rispettata con i “simboli” che ogni Corpus Domini vengono donati a vari Misteri. Grazie al Caseificio Monforte di Giuseppe Gianfagna che ogni anno regala due caciocavalli ai diavoli tentatori dei Misteri di S. Antonio Abate e del S. Michele, tradizione che iniziò il nonno Giuseppe, poi il padre Libero e adesso continua con piacere Giuseppe.

Poi vi è il grande Biscotto di pane che è presente sul primo Mistero, il S. Isidoro protettore dei contadini, che annualmente, Giovanni ed Emilio, del Panificio Eredi Palazzo di via Ziccardi, sfornano in occasione dei Misteri. Sempre sul Mistero di S. Isidoro è presente un magnifico cestino di fiori, realizzato, anche quest’anno dall’amico, Luigi Vanitore di Fior’Arte.

Una tradizione che questi amici campobassani hanno voluto che continuasse anche in questo Corpus Domini 2020, silenzioso e insolito, nell’augurio di rivederli presenti e pronti a sfilare presto sui nostri Misteri…

Un grazie di cuore da parte dell’Associazione Misteri e Tradizioni e di tutta la città. Buon Corpus Domini”. É il messaggio di ringraziamento dell’Associazione Misteri e Tradizioni per le tre attività che hanno collaborato con le loro donazioni.