Concerto di Durme, a Macchiagodena arriva la musica sefardita

90

durme

Mercoledì 23 agosto in piazza Ottavio de Salvio l’appuntamento rientrante nell’esclusivo progetto del Comune di Macchiagodena “Genius Loci”

MACCHIAGODENA – A Macchiagodena arriva la musica sefardita, per una serata ricca di emozioni e veramente particolare. Martedì 23 agosto 2022, alle ore 21, in piazza Ottavio de Salvio, con ingresso libero, si tiene il concerto di Durme (Spagna). Ancora un particolare e interessante appuntamento rientrante nell’esclusivo progetto del Comune di Macchiagodena denominato “Genius Loci. Portami un libro e ti regalo l’anima”. Ana Corellano (voce), Fernando Lleida (clarinetto e sax), Enrique Lleida (pianoforte), Santi Lleida (chitarra e percussioni), Santiago Lleida (Cajón flamenco, percussioni), nel paese della provincia di Isernia, propongono un programma di musica sefardita rivisitata in chiave moderna. Si tratta di un evento della rassegna MusicAperta, organizzata dall’Associazione Misurecomposte, con la direzione artistica di Flavio Maddonni, in collaborazione e con il patrocinio del Comune di Macchiagodena.

Durme

Durme nasce per mostrare un viaggio attraverso le passioni con l’obiettivo di unire il linguaggio della musica moderna con la musica spagnola e sefardita: un incomparabile quadro di luci e ombre abitato dagli spiriti del passato e l’impulso rinnovato dell’Arte più attuale. Da quell’idea, lo spettacolo è stato sviluppato in diversi formati. In questo versione l’aspetto musicale sarà protagonista di questa esibizione con quattro dei musicisti più attivi della scena aragonese. Dalla mescolanza di culture esistenti nel XV secolo in Spagna si è proceduto alla ricerca di melodie che sono rimaste protette durante questi cinque secoli in diverse luoghi geografici. L’incontro tra le culture araba, cristiana e ebraica li hanno portati a indagare e creare un linguaggio nuovo e personale, acquisito negli anni insieme al bagaglio musicale dei componenti di Durme. Dalle ninne nanne cantate da madri sefardite in luoghi disparati come l’Argentina o Israele alle peteneras cantate nei Balcani, dove arrivava la mescolanza di cultura sefardita e zingara, o melodie arabe (zejel) che arrivavano nel sud della Spagna da est: melodie antiche trasformate nella musica più moderna e fresca, con originali armonie e tinte jazz. I componenti di Durme hanno partecipato a diversi gruppi che li hanno portati ad agire, insieme o separatamente, in tutta la penisola iberica, nel resto d‘Europa e in America. I momenti salienti includono 12 concerti all’Expo Universale di Milano nel 2015, all’Expo Internazionale di Saragozza nel 2008 e diversi tour in Spagna, sponsorizzati dal governo di Aragona attraverso i suoi assessorati alla Cultura e al Turismo. Fanno regolarmente parte della Rete Aragonese degli Spazi Teatrali e hanno registrato con gruppi come Gradus Jazz, Grooveland Trio, Llave de paso, Banda sinfónica de Aragón, progetto di produzione di cooperazione culturale con il Marocco 2018.

SCRITTRICI, SCRITTORI, REGISTI E PERFORMER PROTAGONISTI DEGLI EVENTI IN PROGRAMMA FINO ALL’11 SETTEMBRE A MACCHIAGODENA

Dopo il Quartetto Durme, arrivano a Macchiagodena, fino alla metà di settembre, tra gli altri: Simonetta Tassinari, Ugo Del Castello, Nadia Verdile, Barbara Bellani e Iolanda D’Angelo, Vincenzo Santoro.

Le giornate dedicate alla cultura, e ai libri in particolare, vedono l’Amministrazione comunale locale lavorare in sintonia con il network Borghi della lettura e la Pro Loco di Macchiagodena.