“Contro-filosofia dell’amicizia”, Simonetta Tassinari presenta il libro

36

Autrice di una guida controcorrente per prepararsi alle ambivalenze del sentimento caro ai filosofi, sarà ospite della rassegna a firma dell’Unione Lettori Italiani e del Comune di Campobasso

contro-filosofia dell'amiciziaCAMPOBASSO – Una guida controcorrente per educarci all’amicizia, prepararci alle sue ambivalenze e difenderci dalle sue imitazioni. A scriverla Simonetta Tassinari, professoressa di Storia e Filosofia nei licei, ed esperta di psicologia relazionale e counseling filosofico, che sarà ospite di Ti racconto un libro 2022, il laboratorio permanente sulla lettura e sulla narrazione – promosso e sostenuto dal Comune di Campobasso e realizzato dall’Unione Lettori Italiani, con la direzione artistica e organizzativa di Brunella Santoli e il patrocinio della Provincia di Campobasso.

Contro-filosofia dell’amicizia-Vivere, riconoscere e mantenere un rapporto speciale è una sorta di manuale per poter risolvere la contraddizione in cui ci troviamo immersi. Un’oscillazione incessante tra quello che dovrebbe essere e quello che è, invece, un rapporto di amicizia. Per sciogliere il nodo, l’autrice ripercorre il pensiero di alcuni dei maggiori esponenti della filosofia antica, da Aristotele a Cicerone, da Seneca a Marco Aurelio, per i quali l’amicizia era però un sentimento elitario e virtuoso, superiore a ogni altro legame.

Oggi, mentre l’amicizia assume nuove forme in nuovi contesti di vita, gli elevati modelli del passato, illusori e un po’ anacronistici, alimentano i nostri desideri e ci inducono a incorporarli nelle persone che incontriamo, esponendoci non di rado a cocenti delusioni. Peggio: l’idealizzazione dell’amico confonde quali siano i valori non negoziabili che invece ci devono unire e sui quali non sono ammessi sconti. Gli amici “perfetti” non esistono, ma quelli “veri” sì: la certezza che i nostri amici, esattamente come noi, non sfuggano dall’accumulare difetti, più o meno nella stessa misura in cui accumulano pregi, non significa rinunciare a vivere autenticamente l’amicizia. Al contrario, proprio calandoci consapevolmente nel presente e supportati da ciò che ancora ha valore della saggezza antica, riusciremo a vivere l’amicizia profonda e ad apprezzarla come la più salda e duratura forma di essere uomini tra gli uomini, e a dare nel contempo il benservito, senza rimorsi né alibi, agli amici che sono solo sbiadite – e talvolta addirittura pericolose – imitazioni degli amici “veri”.

L’incontro con l’autrice è in programma venerdì 21 ottobre, alle ore 18.30 nella Sala della Costituzione della Provincia di Campobasso, e al suo fianco ci sarà il giornalista Claudio Vedovati.

Il prossimo incontro con Ti racconto un libro è in programma giovedì 10 novembre, alle ore 18.30 nel Circolo Sannitico di Campobasso, con Francesco Battistini inviato de Il Corriere della Sera, che in Fronte Ucraina-dentro la guerra che minaccia l’Europa racconta l’assurdità della guerra nel cuore del vecchio continente, una catastrofe inattesa che stravolge la nostra vita quotidiana e segnerà la storia dei prossimi anni.