Coronavirus: Avis, in due giorni 56 sacche di sangue

29

AvisCAMPOBASSO – In soli due giorni 56 donazioni e per tutta questa settimana ‘sold out’, nel senso che si è raggiunto il numero massimo di prenotazioni. I donatori di sangue molisani, ancora una volta, si dimostrano sensibili e nel momento del bisogno rispondono con numeri importanti.

L’autoemoteca dell’Avis che si trova davanti all’ospedale ‘Cardarelli’ di Campobasso, tutti i giorni fino al venerdì, continuerà a svolgere il servizio per poi, il sabato, spostarsi in altri paesi fino a quando il Centro trasfusionale dell’ospedale verrà riaperto.

“Per evitare assembramenti – spiega all’ANSA Eugenio Astore, presidente dell’Avis Campobasso e vice presidente regionale dell’Associazione – effettuiamo i prelievi solo su prenotazione e su donatori periodici. Stanno comunque arrivando anche altre persone alle quali facciamo un prelievo preliminare e dopo circa 15 giorni le chiamiamo per effettuare la prima donazione”.