Edmund “Eddie” Suez, tra i più grandi agenti dello spettacolo, era molisano

110

Club Suez Avalon

La madre Filomena Viti era nata ad Isernia nel 1875

ISERNIA – Edmund “Eddie” Suez nacque a Philadelphia il 26 dicembre del 1907 da Joseph e Filomena Viti. Il padre risultava provenire da Bologna. La madre, Filomena, era invece nata ad Isernia e arrivò ad “Ellis Island” nel 1896 (a quella data risultò avere 21 anni e nata presumibilmente nel 1875).

Questa mamma molisana fu, in ogni modo, quella che influenzò la vita del giovane trasmettendogli l’amore per la sua terra d’origine. “Eddie” frequentò prima la “John Hay Pubblic School” e poi la “Continuation School” di Philadelphia. A 15 anni fu costretto, per aiutare la povera economia familiare, ad andare a lavorare in un calzaturificio. A 18 anni il padre lo fece assumere dalla stessa azienda, settore edile, dove lavorava lui.

Edmund “Eddie” Suez, a destra, con l’attore Mickey Shaughnessy

Fisico massiccio e coraggio da vendere a 20 anni decise di abbracciare la “noble art”. Sembrava destinato ad una carriera pugilistica più lusinghiera, 16 combattimenti di cui 13 vinti, ma un serio infortunio ad un braccio lo costrinse a lasciare la boxe. Combatté in Pennsylvania, nello Stato di New York e nel New Jersey. A 25 si trovò nella necessità di doversi reinventare.

Decise di aprire un ristorante il “Suez Sandwich Shop”. Nel 1933 mise a frutto un’altra sua dote quella di essere un abilissimo ballerino. Con un amico formò un apprezzato duo il “Suez & Mein”. Per sei anni, i due, si esibirono in teatri e in cabaret di tutti gli Stati Uniti. Durante questo lungo “tour” “Eddie” ebbe l’occasione di conoscere i segreti del mondo dello spettacolo. Successivamente divenne uno dei più potenti ed apprezzati agenti teatrali.

Nella sua “scuderia” attori, comici, ventriloqui, ballerine, cantanti e “regine” del burlesque. Tra questi: Johnny Cahill (favoloso imitatore di Oliver Hardy) , Bor Carll, Frankie Richardson, Betty Huntington, Zola Gray, Gloria French, Sally La Marr, “4 men of Rhythm” e il famoso “Riff Robbins Trio”. Molti di questi diverranno, grazie a lui, famosi ed affermati.

In particolare il famoso attore Mickey Shaughnessy, che lo ebbe come manager e si esibì per anni nel “Club Suez Avalon”, disse di lui: “Gli debbo molto e forse tutto. Averlo come manager è un’assicurazione alla carriera”. Nel 1943 aveva acquistato il “Club Suez Avalon” di North Wildwood in New Jersey, che in breve divenne meta di chiunque volesse passare una notte di assoluto divertimento.

Il locale fu frequentato da i più importanti personaggi dello spettacolo ma anche da politici e magnati. Poi negli anni ’50 “Eddie” decise di cedere il “Club Suez Avalon”, per una importante cifra, all’amico e collega Morley. Continuò ad essere agente di vari personaggi e infine decise di ritirarsi dall’attività. Rivendicò sempre con orgoglio le sue origini molisane. “Eddie” morì il primo luglio del 1985.

A cura di Geremia Mancini – Presidente onorario “Ambasciatori della fame”