Emporio Solidale “La bottega di Antonietta” a Campobasso

25

emporio solidale campobasso

CAMPOBASSO – Con l’apertura dell’Emporio Solidale “La bottega di Antonietta” si intende dotare il territorio diocesano di un centro di distribuzione di beni di prima necessità (alimenti freschi e a lunga conservazione, prodotti per l’igiene personale, ecc.), che consenta ai fruitori di recuperare autonomia decisionale, svolgendo in più un’attività socializzante, in un contesto e con modalità non stigmatizzanti, che permettano di superare l’assistenzialismo della mera consumazione di un pasto pronto, o della fornitura del pacco alimentare.

L’emporio è ubicato nella struttura di via Monte Sabotino, a Campobasso, in un locale dato in comodato d’uso gratuito dal Comune di Campobasso al cui interno sono già presenti i servizi di mensa e dormitorio. Per quanto concerne la sostenibilità dell’Emporio Solidale si dispone di una rete di donatori di alimenti e altri beni di prima necessità; il lavoro, pertanto, sarà quello di mantenere, rafforzare e ampliare tale rete, aumentando le donazioni, per poter accogliere un numero sempre crescente di beneficiari. I fruitori del servizio saranno inviati dal Centro di Ascolto Caritas, previo colloquio per la valutazione della condizione di indigenza.

Il Centro di Ascolto è aperto il martedì e il giovedì dalle ore 10 alle ore 12, per appuntamenti si può chiamare il numero 0874.60694. Una volta in possesso della tessera è possibile recarsi presso l’Emporio il lunedì pomeriggio dalle 16 alle 19 e il giovedì mattina dalle 9 alle 12. L’emporio sarà aperto al pubblico a partire dalla prossima settimana eccezionalmente giovedì e venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18.

L’apertura dell’Emporio è stata resa possibile grazie all’approvazione del progetto Camminare Insieme finanziato con i fondi 8×1000 2021 e al contributo del Comune di Campobasso. Fondamentale la generosità del Conad Adriatico, che ha fornito l’assistenza alla progettazione e la completa donazione d’impianto.

Di seguito la nota a firma dei responsabili di Conad Adriatico.

“Conad Adriatico sostiene e crede molto nell’importanza degli Empori della Solidarietà, luoghi di solidarietà e di rispetto per tutte le persone e le famiglie che vivono una situazione di vulnerabilità sociale. – ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Conad Adriatico Antonio Di Ferdinando – La nostra natura cooperativa ci porta da sempre a mettere al centro del nostro agire le persone e le comunità e l’impegno a creare valore socioeconomico condiviso per tutti. Questi sono i principi che ispirano le nostre azioni. “Persone oltre le cose” non è uno slogan, ma un impegno che Conad Adriatico si assume ogni giorno con sé stessa, con i propri concittadini e con le comunità. Per questo il nostro ringraziamento oggi va a tutti i nostri Soci e Collaboratori che hanno contribuito a questa importante iniziativa che ci permette di rafforzare il senso di comunità e di inclusione che la nostra azienda e le nostre Persone da sempre si impegnano a far vivere nei territori e di ribadire un tratto distintivo del nostro modo di fare impresa che è sempre orientato alla creazione di un benessere diffuso per l’intera comunità”.

“Siamo orgogliosi di essere qui oggi per l’inaugurazione di questa nuova importante realtà sul territorio – ha dichiarato Lucia Grandoni Direttore Sviluppo di Conad Adriatico – L’Emporio rappresenta non solo uno strumento prezioso per contrastare l’emergenza alimentare ma soprattutto un luogo inclusivo dove la solidarietà si fa tangibile, dando un sostegno concreto a tutte le persone e le famiglie che vivono una situazione di difficoltà. Come Conad Adriatico siamo felici di far parte di questa rete virtuosa e aver contribuito al progetto insieme ai nostri soci, che hanno profuso un impegno unico per la progettazione e l’allestimento della struttura, seguendo tutte le fasi di realizzazione. Un progetto che conferma il nostro impegno sul fronte del supporto ai territori e al tessuto sociale in cui operiamo e che ci permette essere ancora più vicini alle nostre comunità”.