Eventi in Molise di oggi, 23 novembre 2020: riflessioni e attualità

101

mascherina covid mondo

Appuntamento online per ricordare i 40 anni dal terremoto in Irpinia, il reportage su Coronavirus di Luciano Zamporlini

REGIONE – Lunedì 23 novembre 2020 nuova giornata di eventi in Molise, andiamo a vedere i principali e quelli dei prossimi giorni nella rubrica di Molisenews24.it. Nella prima parte parleremo degli appuntamenti principali del giorno quindi un’ampia e aggiornata anteprima sui queli dei prossimi giorni. Potete segnalarci gli eventi in Molise inviando una mail a info@molisenews24.it. Nella sezione eventi del sito è possibile trovare un archivio con il riepilogo dei principali eventi del mese.

Si premette che alcuni eventi possono subire delle sospensioni legate alle comunicazioni dei Dpcm e/o disposizioni della regione. Di seguito spazio anche ad alcuni eventi online selezionati.

ONLINE

Tour Dal Vivo nel parco degli acquedotti ma live su facebook alle ore 15 (https://www.facebook.com/events/390487705482169/). Meravigliosa passeggiata culturale in uno dei parchi più suggestivi di Roma: il Parco degli Acquedotti. Scopriremo la storia dei maestosi acquedotti e dei reperti delle diverse epoche storiche che caratterizzano questo posto unico situato nel cuore del quartiere Tuscolano. Luogo amato da viaggiatori e artisti del Gran Tour, scelto da Pasolini come sfondo delle vicende del film “Mamma Roma” e celebrato da Sorrentino ne “La Grande Bellezza”. Costo un 4 euro e 49 centesimi.

A quarant’anni dal terremoto in Irpinia: il sindacato solidale, appuntamento online su Facebook (https://www.facebook.com/events/360959808322292/). “Domenica 23 novembre 1980, alle 19, si abbattè un terremoto di proporzioni terrificanti sui vasti territori della Campania e della Basilicata. Più di 3000 furono le vittime, una sciagura di proporzioni bibliche devastò alcuni territori, in particolare le aree interne dell’Irpinia e della Basilicata. L’Italia non aveva una organizzazione strutturata ed efficiente di protezione civile. Fu soprattutto il mondo del volontariato a mobilitarsi e, tra questi, un grande ruolo lo ebbero i militanti sindacali organizzati da CGIL CISL e UIL che accorsero a migliaia a gestire i soccorsi, a portare aiuto e sostegno, a raccogliere risorse per l’ emergenza e la ricostruzione. I sindacati torinesi e piemontesi dettero un grande contributo, fu una grande esperienza di solidarietà concreta e, con questo incontro, vogliamo ricordare quell’impegno”. Intervengono: Pino Acocella (già direttore scuola sindacale del mezzogiorno della CISL); Antonio Ceres (Delegato Lancia Torino e poi dirigente FILCA); Carlo Degiacomi (già Segretario FIM Torino); Marcella Filippa (direttrice Fondazione Nocentini); Michele Viscardi (già Segretario CISL Napoli e Parlamentare). Modera: Gianfranco Zabaldano (presidente della Fondazione Nocentini). L’incontro si svolgerà online in diretta streaming sulla pagina Facebook della Fondazione Vera Nocentini.

La “prima impressione” è l’ultima a morire, appuntamento online su Facebook. Durante l’evento la Dott.ssa Lara Ventisette affronterà il tema di “Come smontare i pregiudizi su se stessi e sugli altri”. Una tematica importante che spesso ci trattiene ingabbiati e rischia di boicottare le nostre relazioni. Per partecipare basterà collegarti alla pagina Facebook del Centro di Terapia Breve Strategica alle 21.00: https://www.facebook.com/centroditerapiastrategica. L’evento è completamente gratuito e l’intento è quello di diffondere un senso di consapevolezza per aiutare chiunque lo desideri a vivere meglio, con se stesso e con gli altri.

Dentro la zona rossa è l’evento online delle ore 21 (biglietti su us02web.zoom.us/j/89454737686 ID riunione: 894 5473 7686 Passcode: 724550). Il reportage in bianco e nero di Luciano Zamporlini che per cinque settimane ha combattuto il Coronavirus all’ospedale di Torrette, dove ha immortalato la drammatica quotidianità vissuta dagli operatori sanitari e dai pazienti: “La fotografia mi ha aiutato, ma ha anche lasciato tracce indelebili di dolore. Ho voluto rendere visibile quello che la maggior parte delle persone riesce a conoscere solo in parte tramite i media nazionali. La collaborazione, il lavoro degli operatori sanitari è stata di vitale importanza per noi pazienti Covid. È solo grazie a loro se ce l’abbiamo fatta. Ho fotografato in altri (compagni di stanza) anche me stesso. Le cure e gli interventi su di loro, pochi minuti dopo le avrebbero fatte su di me. È a loro che dedico questa serata“.

Al via la decima edizione di Cortodino Film Festival in una versione quasi interamente on line (https://www.facebook.com/events/722403161968354/). Intervista video a Marco Risi, presentazione del libro “Forte respiro rapido. La mia vita con Dino Risi”,
Intervista a cura del giornalista e Critico di Cinema Ignazio Senatore.