Filiera avicola: con la Regione al Mise sindacati, Gam, Fedagri, Dasco e Sagem

130

Regione Molise logoCAMPOBASSO – “Un incontro significativo quello tenuto al Mise con il direttore dell’Unità per la gestione delle vertenze delle imprese in crisi, Giampietro Castano. Riconosciuti la qualità, la solidità e gli effetti del percorso che abbiamo costruito e seguito per il rilancio della filiera avicola molisana”.

Così il presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura, al termine della riunione presso il Ministero dello sviluppo economico alla quale hanno preso parte le organizzazioni sindacali e, per la Regione, l’assessore Carlo Veneziale e l’avvocato Carmela Lalli, e gli amministratori Gam, Giulio Berchicci e Nicola De Socio. Sul tavolo c’era la questione degli ammortizzatori sociali e del rilancio del comparto attraverso l’impresa privata che lo scorso giugno ha formalizzato in Tribunale l’offerta per l’affitto dell’azienda, aggiudicandoselo.

“La partecipazione alla riunione dell’amministratore della Dasco srl, Danilo Iannascoli, è stata la conferma attesa da tutti. Assieme all’imprenditore abruzzese al Ministero c’erano anche il presidente del gruppo abruzzese Sagem di cui la Dasco fa parte, Rocco Caramanico, e il presidente nazionale di Fedagri-Confcooperative, Giorgio Mercuri, figure di livello”, aggiunge Frattura.

“Confcooperative ancora una volta ci è stata vicina – evidenzia il governatore – avendo da subito rivestito un ruolo protagonista con competenza e generosità nella costruzione della proposta di rilancio. La presenza degli imprenditori e di Confcooperative, un segnale concreto per il progetto che stiamo realizzando. Li ringraziamo per aver confermato anche davanti al Ministero e ai sindacati la volontà di proseguire nell’impegno per la nostra filiera avicola. E ringraziamo in maniera particolare le organizzazioni sindacali per la sensibilità e la disponibilità avute ancora questo pomeriggio nella condivisione di manifestazioni espresse con tanta serietà”.

“Apprezzate durante l’incontro – sottolinea Frattura – le aperture del Mise e del Ministero del lavoro riguardo all’individuazione di percorsi che tutelino i lavoratori in cassa integrazione straordinaria delle aree di crisi complessa. Le condizioni per andare avanti ci sono tutte”.

“Siamo a un passo dal raggiungimento di un risultato che lo stesso direttore del Mise, Giampietro Castano, complimentandosi ha definito ‘impensabile’ all’inizio dell’apertura della vertenza molisana”, conclude Frattura.