Il gay molisano aggredito a Pescara intervistato a “La vita in diretta”

62

CAMPOBASSO – L’aggressione omofoba di Pescara finisce anche a “La vita in diretta”. Ieri, infatti, l’episodio è stato ripercorso dalla vittima (un 25enne gay molisano) al microfono di Max Franceschelli. Il giovane ha raccontato di essere stato assalito da un gruppo di «6-7 giovani, tra cui una ragazza, di età compresa tra i 16 e i 18 anni». 

Lui, che stava passeggiando «mano nella mano» con il compagno di 22 anni, non ha reagito agli insulti, ma poiché il branco li ha successivamente raggiunti è stato in qualche modo costretto ad affrontare quei ragazzi: «Uno di loro si è staccato dagli altri e mi ha colpito con un pugno sulla mascella. Sono intervenuti dei passanti, e anche loro sono stati presi a pugni».

Durante la trasmissione è intervenuta anche Vladimir Luxuria, che ha invitato tutti a «condannare sempre l’odio, che io conosco perché l’ho provato sulla mia pelle», sottolineando quanto sia importante «denunciare».