Investito e ucciso da moto pirata, individuato dopo 24 ore il presunto autore dell’omicidio stradale

48

carabinieriCOLLI A VOLTURNO – Ha chiesto alla Procura di Isernia di poter raccontare la sua verità, il presunto responsabile della morte di Paolo Marchesani, il 48enne di Colli a Volturno falciato sulla ss 158 da una moto, e, secondo quanto riferisce la stessa Procura in una nota, è stato già ascoltato dai carabinieri nella caserma di Venafro. L’uomo è accusato di omicidio stradale e omissione di soccorso.

La svolta nelle indagini è arrivata grazie al lavoro dei militari che hanno identificato e rintracciato il presunto pirata della strada grazie a un pezzo di plastica del faro della moto, trovato sul luogo dell’incidente, e piccoli frammenti di immagini catturate da alcune telecamere per la videosorveglianza installate sulla ss 158.

Le indagini “condotte con tempestività dai carabinieri del Nucleo Investigativo Comando Provinciale di Isernia e della Compagnia di Venafro, coordinate dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Isernia”, hanno portato “in tempi ristretti, ad individuare la motocicletta con la quale era stato investito la vittima; a 24 ore circa dal fatto, è stato identificato il probabile conducente della moto sottoposta a sequestro e dunque il presunto autore dell’omicidio stradale”.

Le indagini proseguono per accertare il grado di responsabilità e l’eventuale coinvolgimento di altre persone. Marchesani – secondo quanto riferisce la Procura – è stato soccorso dal 118 e trasportato all’Ospedale di Isernia e, in seguito, trasferito a Campobasso dove è deceduto. Oggi sarà effettuata l’autopsia.