Isernia, controlli antidroga ieri in città e presso gli istituti scolastici

17

carabinieri isernia cinofili

ISERNIA – Nella mattinata di ieri i militari del NOR e Stazione di Isernia, collaborati dai colleghi del Nucleo Cinofili Carabinieri di Chieti, nell’ambito di mirati servizi volti a contrastare il fenomeno dello spaccio e consumo di sostanze stupefacenti hanno attenzionato le zone del centro, la Stazione Ferroviaria ed alcuni istituti scolastici del capoluogo ove hanno eseguito verifiche all’interno delle aule ed all’esterno delle strutture.

Nel corso delle attività i militari, che si sono avvalsi dell’abilità olfattiva del cane pastore tedesco “Baghera” del Nucleo Cinofili di Chieti, hanno individuato uno studente che è stato trovato in possesso di alcune dosi di hashish, custodite in un involucro di plastica nascosto all’intero dello zaino e per tale ragione è stato segnalato alla locale Prefettura per le conseguenti sanzioni amministrative. Ritrovate anche altre 3 bustine della stessa sostanza in un bagno dell’edificio e nelle aiuole esterne degli istituti.

L’Arma dei Carabinieri, affianca come ogni anno, all’attività di contrasto nello specifico settore dello spaccio di sostanze stupefacenti nelle scuole anche quella informativa e divulgativa mediante incontri presso i vari istituti, finalizzati a fornire ai giovani utili contributi tesi alla formazione della cultura della legalità ed in particolare sui rischi che si corrono venendo a contatto con la droga, sia sul piano penale che della salute e dei conseguenti danni fisici e mentali, interagendo con i giovani studenti in dibattiti in cui la famiglia e la scuola rappresentano i due pilastri che costituiscono il tessuto relazionale di una società civile.

Tra i vari luoghi controllati è stata altresì setacciata la zona della Stazione Ferroviaria e del Terminal Bus per riscontrare la presenza di sostanze stupefacenti celate in luoghi impensabili quali cestini e bidoni dell’immondizia ed altri nascondigli che gli spacciatori spesso utilizzano per ridurre il rischio di essere sorpresi.