Isernia, il dottor Claudio Uccelletti lascia Palazzo San Francesco [FOTO]

31
Isernia, il dottor Claudio Uccelletti lascia Palazzo San Francesco
Isernia, il dottor Claudio Uccelletti lascia Palazzo San Francesco

ISERNIA – C’è un po’ di commozione a Isernia perché il dottor Claudio Uccelletti lascerà Palazzo San Francesco dal 1° giugno, quando il segretario generale del Comune verrà collocato a riposo. Sono quasi quattro gli anni di permanenza di Uccelletti nella nostra città: ha infatti prestato servizio dal 14 settembre 2016 in sostituzione del precedente Segretario Generale, e subito dopo, il 1° ottobre di quello stesso anno, con decreto del sindaco Giacomo d’Apollonio, fu nominato titolare.

Nato a Napoli il 21 novembre 1956, laureatosi in giurisprudenza col massimo dei voti e la lode, ha iniziato la carriera nel 1982, e prima di assumere l’incarico di Segretario Generale a Isernia lo era stato al Comune di Benevento. In tanti anni di qualificato impegno professionale e di dedizione al lavoro, il dott. Uccelletti si è sempre meritato l’apprezzamento e la stima degli amministratori e dei dipendenti degli Enti in cui ha operato.

Isernia, il dottor Claudio Uccelletti lascia Palazzo San Francesco

Qualche giorno fa il sindaco e gli assessori lo hanno salutato durante un breve momento di commiato, donandogli una targa ricordo e una elegante penna. Un’altra targa gli è stata consegnata, la mattina di venerdì, da una delegazione del Consiglio comunale guidata dal presidente Lombardozzi. Tutti gli amministratori isernini hanno elogiato l’elevata competenza e l’assoluta efficienza che hanno contraddistinto il delicato ruolo svolto dal Segretario Generale, il quale li ha ringraziati con parole di sincera riconoscenza.

«Ho avuto l’opportunità – ha dichiarato il dott. Uccelletti – di concludere la mia lunga esperienza professionale in un Comune con amministratori di grande senso civico e di alto profilo umano e morale. Ho sempre avvertito la piena fiducia di tutti e mi sono impegnato per contribuire alla soluzione dei non pochi problemi che un capoluogo come Isernia deve quotidianamente affrontare. In questi anni ho incontrato e conosciuto tanti isernini e mi sono sentito uno di loro. Mi riprometto di tornare perché Isernia è una città bella e importante, abitata da persone realmente perbene».