Isernia, prevenzione truffe: nuova iniziativa dei Carabinieri

55

Sono stati distribuiti dei vademecum presso Uffici Postali ed altri luoghi frequentati dalle persone più anziane

iniziativa Carabinieri prevenzione truffeISERNIA – Nuova iniziativa intrapresa dai Carabinieri di Isernia, per prevenire il fenomeno delle truffe, in particolare quelle ad opera di falsi appartenenti alle Forze dell’Ordine o falsi avvocati, che recentemente hanno visto vittima anche persone anziane della provincia “Pentra”.

I Carabinieri dopo aver incontrato numerosi cittadini nei mesi scorsi presso le parrocchie, di intesa con la Diocesi di Isernia-Venafro e con la Prefettura, hanno deciso di distribuire vademecum illustrativi di consigli utili per evitare di rimare vittima di raggiri di vario genere, nei pressi di Uffici Postali ed altri luoghi generalmente frequentati dalle persone più anziane e vulnerabili. I consigli principali sono sempre gli stessi:

Se dovesse telefonare o suonare alla vostra porta una persona, che si presenta come Carabiniere o appartenente alle Forze di Polizia, prima di aprire telefonate al 112, senza formulare alcun prefisso;
Chi vi risponderà sarà lieto di dirvi se la persona è un vero appartenente alle Forze dell’Ordine;
I malviventi operano spesso in coppia con le seguenti modalità:
entrambi presentandosi non mostrano distintivi, cercano di introdursi all’interno di casa per dei controlli;
un malfattore al telefono si finge “Carabiniere” e comunica problemi di giustizia per un familiare. Il complice, fingendosi avvocato e/o Carabiniere, si presenta a casa per ritirare il denaro richiesto;
sempre in coppia, uno finto Carabiniere e l’altro dipendente comunale o di aziende che erogano servizi, si presentano alla porta con la scusa di effettuare dei controlli per poi asportare denaro e oggetti di valore.

I Carabinieri per attività di servizio, si presentano in uniforme esibendo chiari segni distintivi e qualificandosi in modo inequivocabile. Quando opera personale in abiti civili, è sempre accompagnato da personale in uniforme. Non vengono, per nessun motivo, chiesti denaro o preziosi di alcun genere. Oggi nemmeno le contravvenzioni vengono più pagate con denaro contante, come avveniva alcuni decenni orsono. Di recente è stato anche prodotto un video dove i Carabinieri di Isernia formulano dei consigli utili per evitare di essere truffati, trasmesso quotidianamente da tutte le emittenti TV locali ed è presente anche su “You Tube”. Ad ogni buon conto altre indicazioni utili sul fenomeno sono consultabili sul sito web www.carabinieri.it