Isernia, appello al rispetto delle regole: ecco le misure fino al 17 maggio

90

Pubblicato un nuovo avviso alla popolazione che fa riferimento alle misure da seguire fino al 17 maggio per contrastare il Covid-19

sindaco isernia d'apollonioISERNIA – Il sindaco di Isernia, Giacomo D’Apollonio è intervenuto ha lanciato un nuovo appello alla cittadinanza per il rispetto delle misure ancora in atto.

“Dopo due mesi di adeguato rispetto delle regole, si sono verificati in città episodi che evidenziano una certa insofferenza al protrarsi delle pur motivate rinnovate misure di contrasto al contagio”.

Quindi ha pubblicato l’avviso “COVID-19 (CORONAVIRUS), MISURE DI CONTRASTO E CONTENIMENTO. AVVISO PUBBLICO IN MATERIA DI RAPPORTI INTERPERSONALI DI SICUREZZA”

Di seguito l’avviso completo.

IL SINDACO, Giacomo d’Apollonio

PREMESSO che in data 31/01/2020 il Consiglio dei Ministri ha dichiarato lo stato di emergenza sanitaria per l’epidemia da Covid-19 a seguito della dichiarazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale;

VISTO che l’Organizzazione mondiale della sanità, in data 11 marzo 2020, ha dichiarato che il Covid-19 è caratterizzato come una pandemia;

VISTI i decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’8, 9, 11 e 22 marzo 2020 e del 1° e 10 aprile 2020, recanti misure per il contrasto e il contenimento sull’intero territorio nazionale del diffondersi del virus Covid-19;

VISTO ora il Dpcm del 26 aprile 2020, che ha riassunto e rielaborato le misure finalizzate al contrasto ed al contenimento del virus sull’intero territorio nazionale, il tutto con decorrenza dal 4 maggio e fino al 17 maggio 2020;

RICHIAMATE le numerose ordinanze con le quali il sottoscritto Sindaco è stato costretto ad intervenire per disciplinare sul territorio comunale determinate attività che apparivano particolarmente sensibili a pericoli di contagio;

ACCERTATO che negli ultimi giorni, dopo circa due mesi di adeguato rispetto delle misure imposte, si sono verificati in Città episodi che evidenziano una certa insofferenza al protrarsi delle pur motivate rinnovate misure di contrasto al contagio;

VISTO, altresì, che proprio negli ultimi giorni si è assistito nella nostra Regione ad una preoccupante recrudescenza del virus, dovuta, a quanto pare, a comportamenti dei cittadini non rispettosi delle misure in vigore in materia di rapporti interpersonali

RAVVISATA la necessità di ricordare a tutta la cittadinanza le principali misure ancora in vigore in materia di rapporti interpersonali, affinché esse continuino ad essere rispettate, senza così frustrare due mesi di sacrifici;

RICORDA

che fino al 17 maggio 2020, in base a decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri o a ordinanze del Sindaco, sono ancora in vigore le seguenti misure volte a contenere e contrastare il contagio dal virus Covid-19:
1. Sono consentiti solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità, ovvero per motivi di salute, e si considerano necessari gli spostamenti per incontrare congiunti, purché venga rispettato il divieto di assembramento e il distanziamento interpersonale di almeno un metro e vengano utilizzate protezioni delle vie respiratorie.
2. E’ vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o privati.
3. Le aree attrezzate per il gioco dei bambini sono chiuse.
4. L’accesso del pubblico a ville e giardini pubblici è condizionato al rigoroso rispetto di quanto previsto al punto 2 che precede.
5. Non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto.
6. E’ consentito svolgere individualmente, ovvero con accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti, attività sportiva o motoria, purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività.
7. Nella intera area pubblica comunale denominata Le Piane (ovvero nell’area che parte dalla piscina comunale e circoscrive la zona ove è ubicato lo stadio comunale) è vietata la pratica di sport e attività motorie all’aperto dalle ore 9,30 alle ore 19,30 di tutti i giorni, fatti salvi l’accesso e l’uscita dall’area indicata per coloro che nell’area medesima risiedono o posseggono terreni coltivati.
8. Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati.
9. Sono sospese le manifestazioni organizzate, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura con la presenza di pubblico, ivi compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico, svolti in ogni luogo, sia pubblico che privato.
10. Sono sospese le feste pubbliche e private, anche nelle abitazioni private.
11. Sono sospese le cerimonie civili e religiose.
12. Sono consentite le cerimonie funebri con l’esclusiva partecipazione di congiunti e, comunque, fino ad un massimo di quindici persone, con funzioni da svolgersi preferibilmente all’aperto, indossando protezioni delle vie respiratorie e rispettando rigorosamente la distanza interpersonale di almeno un metro.
13. I cimiteri comunali sono aperti esclusivamente dalle ore 8,30 alle ore 12,00 e dalle ore 15,00 alle ore 17,00 e, nel rispetto degli orari che precedono, l’accesso del pubblico è consentito ad un solo soggetto per ogni defunto, e comunque l’ingresso è circoscritto ad un numero complessivo contemporaneo di soggetti tale da impedire assembramenti e da garantire la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.
14. Tutti i soggetti che si trovino in un esercizio commerciale, in un ufficio aperto al pubblico o comunque in altro luogo chiuso diverso dall’abitazione privata sono obbligati a tenere coperti naso e bocca, utilizzando, se disponibili, le apposite mascherine o, in mancanza, qualunque altro analogo dispositivo di protezione delle vie respiratorie.

AVVERTE

che il mancato rispetto delle misure di cui sopra è sanzionato ai sensi dell’articolo 4 del d.l. 25/3/20, n. 19, ovvero, salvo che il fatto costituisca reato, con il pagamento di una sanzione amministrativa da euro 400,00 ad euro 3.000,00.

RACCOMANDA

il rispetto delle misure igienico-sanitarie elencate nell’allegato 4 al Dpcm del 26/4/20 (tra le quali lavarsi spesso le mani, evitare abbracci e strette di mano, praticare igiene respiratoria, non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani, coprirsi naso e bocca se si starnutisce o tossisce).

DISPONE

• la pubblicazione del presente atto all’albo pretorio on line e sul sito istituzionale del Comune di Isernia;
• l’invio del presente atto alla polizia municipale, ufficio comando, al settore tecnico ed al capo ufficio stampa.