La Molisana Magnolia – Broni in diretta: dove vedere la partita

24

togliani palleggio

Tra le rossoblù possibile il rientro di Gray. L’imperativo del tecnico Sabatelli: «Essere pronte alla sfida. Il sostegno dei tifosi rappresenterà un forte stimolo»

CAMPOBASSO – Cinquantuno. Come i giorni di attesa per i sostenitori rossoblù per rivedere le proprie beniamine all’opera, complici i numerosi rinvii dovuti al Covid-19. La Molisana Magnolia Campobasso ritorna all’Arena e lo fa per quella che sarà la terza partita nell’arco di sette giorni con l’obiettivo di mettere da parte gli ultimi due referti gialli in successione. Di fronte, a proposito di stop, le rossoblù avranno un Broni determinato ad uscire da una spirale di ben sette stop consecutivi.

ASPETTO CONFORTANTE «Per noi – riconosce alla vigilia il tecnico delle molisane Mimmo Sabatelli – poter tornare subito in campo rappresenta un modo per non rimuginare sulle ultime due gare in cui abbiamo offerto delle prestazioni dalle tante facce. Dobbiamo però ripartire dalla costanza di Lucca e da quanto fatto durante tutto il secondo tempo a Sassari. Quelle precedenti, ma anche quelle che verranno sono tutte gare da dentro o fuori e non dobbiamo avere degli alti e bassi. Senz’altro, l’avvio di Sassari è frutto anche di un ritmo partita da riguadagnare dopo i 42 giorni senza partite, però adesso come adesso non possiamo permetterci più passi falsi, ma dovremo farci trovare pronti, pur nella consapevolezza che dovremo fare ancora i conti con delle difficoltà».

ANTAGONISTA TRASFORMATA – L’antagonista di giornata – il Broni – è formazione che, rispetto all’andata, è ampiamente mutata soprattutto dal punto di vista delle straniere. Hanno salutato il gruppo l’esterna croata Dedic, la pivot serba Krivacevic e l’altro centro Giuseppone e sono arrivate la statunitense Smith, l’olandese Westerik e la croata Mia Mašić, ex di giornata al pari – tra i #fioridacciaio – della connazionale Nina Premasunac e della playmaker Anna Togliani.

«Senz’altro sono una squadra che ha subito numerose trasformazioni, ma il loro vissuto in questa stagione ha messo in evidenza come in questo torneo l’equilibro regni sovrano. Ogni gara è aperta a tutte le soluzioni. Si può vincere o perdere con chiunque e per questo bisogna prestare sempre il massimo dell’attenzione».

WAITING FOR RESHANDA – La sfida contro Broni dovrebbe rappresentare anche l’occasione per il rientro sul parquet della totem rossoblù Reshanda Gray. Un ultimo test sarà effettuato alla vigilia. «Ma – aggiunge Sabatelli – al di là o meno della sua presenza sul parquet dovremo essere pronti a tutte le evenienze».

AVVERSARIA CONOSCIUTA – Il ritrovare Mašić sull’altro fronte per Sabatelli è anche un’occasione per un piccolo grande tuffo nel passato nella stagione del primato in A2 delle campobassane.

«Sarà un piacere rivederla. È una giocatrice dalle ottime mani che senz’altro vorrà dimostrare anche nella massima serie il suo valore, un pericolo in più, che accoglieremo però con tanto affetto».

TIFOSI A SUPPORTO – Quello stesso sentimento che il coach delle magnolie si augura di ricevere appieno dai propri sostenitori.

«La vicinanza della nostra gente è un valore fondante di questo club. Da loro speriamo di prendere ulteriore forza, abbiamo davvero tanto bisogno di sentire il loro sostegno e la vicinanza in ogni momento della contesa».

LATO TECNICO – Aspetto che va ad intersecarsi con quello che è il fronte più squisitamente tattico. «Determinante – chiosa Sabatelli – sarà fermare le loro esterne Bestagno e Galbiati, ma Broni è squadra che può far male anche sotto canestro forte anche delle qualità delle sue straniere. Se lasciamo loro prendere coraggio, potrebbero esaltarsi. Per questo sarà fondamentale avere determinazione sin dall’avvio».

PRIMA SERATA – Con palla a due serale (ore 20.30) nel primo sabato di febbraio e proscenio streaming in esclusiva diretta pay su Lbftv.it, la piattaforma della Lega Basket Femminile, il match della diciannovesima giornata della Techfind serie A1 tra La Molisana Magnolia Campobasso ed il Broni avrà una direzione arbitrale ‘mista’ con terna arbitrale tutta al maschile composta dal brindisino Angelo Caforio, da Alberto Maria Scrima di Catanzaro e dal tarantino Christian Mottola.

DONI GRADITI – A rendere ancora più particolare il ritorno all’Arena dei #fioridacciaio anche un momento di grande condivisione sociale durante l’intervallo lungo, quando il presidente Antonella Palmieri ed il responsabile del settore minibasket doneranno ad uno dei rappresentanti della comunità ‘Il piccolo principe’ uno dei doni raccolti in occasione dell’Open Day del settore giovanile, prologo alla consegna degli altri omaggi alla Onlus di Limosano, già destinataria dell’affetto del club e del popolo rossoblù in occasione dell’ultimo ‘Teddy Bear Toss’ celebrato a Vazzieri nel dicembre del 2019.