Macchia Valfortore – Polisportiva Kalena 1924 1-3: il racconto del match

91

macchia kalena pace

MACCHIA VALFORTORE – È terminata con il risultato di 1 – 3 la partita tra il Macchia Valfortore e la Polisportiva Kalena 1924 nella diciannovesima giornata del Campionato regionale di Prima Categoria, girone B, giocata a Macchia domenica 13 marzo. Domenica ricca di emozioni non solo per la partita di calcio ma, soprattutto, per il toccante momento commemorativo che l’ASD Macchia Valfortore ha voluto dedicare al compianto Graziano Giglio, che per undici anni ha indossato la maglia della squadra fortorina, e scomparso prematuramente all’età di 55 anni lo scorso mese di febbraio. Ai familiari di Graziano è stata consegnata una targa ricordo ed è stato rispettato un minuto di silenzio prima dell’inizio del macth. La Società di casa ha, inoltre, voluto manifestare contro il conflitto in Ucraina e a favore della Pace, portando in campo una bandiera arcobaleno con la scritta pace ed immortalando il gesto, insieme alla squadra ospite, con una foto.

In un pomeriggio soleggiato e con una temperatura piuttosto mite, tocca al sig. Francesco Colella, della Sezione di Termoli, alle 15.30 dare il via alla partita. Il Macchia, reduce da un importante pareggio fuori casa con il Biccari, con 18 punti in classifica generale e due partite da recuperare, vuole approfittare del fattore campo per fare il bottino pieno. Trova, però, sul suo cammino una squadra che non ha intenzione di lasciare punti preziosi. I rossoneri di Mr. Di Tullio, infatti, nonostante il difficile terreno di gioco, si fanno trascinare dalle punte giocando di rimessa e limitando le incursioni dell’avversario che ha dovuto fare i conti con il giovane (classe 2004) estremo difensore Ivan Auriemma che in più occasioni ha impedito al Macchia di segnare.

Al 16° minuto Younousse Diatta prende palla a centro campo e si porta in area di rigore ma viene neutralizzato dalla difesa, arriva però, il numero 6 Juri Di Tota e prova a tirare ma trova il portiere Paolucci che gli blocca lo specchio della porta ma non ferma la sfera che finisce tra i piedi di Abdulaye Jammeh che da pochi metri, nonostante la mischia, riesce a insaccare e a portare in vantaggio i suoi.

Cinque minuti dopo si ripete la scena. Diatta corre con la palla, solo, fino all’area di rigore avversaria, il portiere gli esce incontro e lo manda a terra. Per il sig. Colella non c’è dubbio, è rigore per la Kalena e cartellino giallo per il portiere. Giuseppe Rinaldi si porta sul dischetto degli undici metri solo che il suo potente destro scaraventa la palla sopra la traversa. Gli ospiti non si demoralizzano e vanno alla ricerca del secondo gol che arriva, così, al 28° minuto con un bel sinistro di Cristian Frenza che intercetta il passaggio del compagno di squadra Michele Iacobelli e, da ottima posizione, inquadra lo specchio della porta e gonfia la rete. Con il doppio vantaggio a favore della squadra di Casacalenda, si chiude il primo tempo.

Nella ripresa la musica non cambia. Il Macchia Valfortore non riesce a bucare la difesa avversaria e la Polisportiva Kalena gestisce il risultato con qualche scorribanda nel campo avverso. Al 76° Rinaldi si fa perdonare il rigore sbagliato e, direttamente da calcio d’angolo, disegna una perfetta traiettoria con il pallone che lascia portiere e tutta la difesa immobili a guardare mentre si infila nell’angolino più lontano. Il terzo gol della Kalena, dà la possibilità di allentare un po’ le maglie e di prendere fiato consentendo di gestire il

risultato con più tranquillità. Il Macchia non merita di rimanere a bocca asciutta e, infatti, all’89° ci pensa Mattia Petriella a segnare il gol della bandiera.

Trascorrono anche i cinque minuti di recupero ed arriva il triplice fischio finale. Al Nicolangelo Josè Cordone, Kalena batte Macchia Valfortore 3 a 1.

“Prima di tutto a nome di tutta la mia squadra voglio ringraziare l’ASD Macchia Valfortore per l’accoglienza e per l’ospitalità che ci hanno riservato da quando siamo arrivati fino a quando siamo andati via. – dichiara Nicolino Di Tullio allenatore della Kalena – La vittoria di oggi ci fa salire al sesto posto della classifica generale a quota 27 e dobbiamo recuperare la partita di domenica scorsa con il Matrice, che non abbiamo potuto giocare per la neve, e quella non disputata con il Montenero di Bisaccia a febbraio. Abbiamo disputato una buona gara e siamo stati bravi a curare ogni dettaglio e ad adattarci subito al campo pesante. Ci siamo preparati bene per la difficoltosa trasferta e l’impegno che abbiamo profuso per farlo è stato ripagato con i tre punti. Punti fondamentali soprattutto per il morale dei ragazzi che erano reduci da due sfortunati pareggi. Adesso pancia a terra per preparare la sfida di domenica prossima con la prima della classe, i campani della Polisportiva Fortore”.

Il prossimo turno vedrà la Polisportiva Kalena 1924 affrontare la Polisportiva Fortore di San Bartolomeo in Galdo (BN) a Casacalenda domenica 20 marzo.