Magnolia Campobasso si prepara alla sfida con Selargius

All’andata match risolto da un buzzer beater di Emilia Bove. L’intento di coach Sabatelli: «Una condotta attenta ed ordinata sin dalle prime battute di contesa»

zelnyte stoickovaCAMPOBASSO – Il primo di quattro match nell’arco di due settimane. Un appuntamento che – nell’intento del team rossoblù – dovrebbe essere sinonimo del terzo exploit di una serie aperta col successo ottenuto tra le mura amiche con Civitanova Marche e proseguita con l’affermazione di sabato scorso a Cagliari. E, al tempo stesso, l’occasione di rinsaldare la propria posizione di leadership in vista dei playoff che prenderanno il via a maggio a partire dai quarti i cui accoppiamenti, al momento, sono ancora in divenire.

BIVIO ISOLANO – Per quello che sarà il secondo incrocio sardo consecutivo, La Molisana Magnolia Campobasso ritroverà il parquet amico del PalaVazzieri per affrontare il Selargius, formazione contro cui all’andata – lo scorso 15 dicembre – i #fioridacciaio si imposero di uno (76-75) al termine di un match thrilling risolto da un buzzer beater di Emilia Bove.

«L’obiettivo – argomenta nell’immediata vigilia della contesa coach Mimmo Sabatelli – è quello di dare continuità alle ultime affermazioni, proseguendo nel nostro percorso di crescita in questa fase di torneo che rappresenta uno snodo chiave in prospettiva della post season».

GRUPPO COMPATTO – Così come avvenuto a Cagliari, anche contro il Selargius il tecnico delle magnolie potrà contare su tutte le opzioni.

«La squadra è al completo – conferma – ed è in buone condizioni. C’è qualche acciacco, com’è fisiologico che sia in questa fase della stagione, ma sono tutte pronte a rispondere presente».

FORTE ATTENZIONE – Del resto, sulla scorta dell’esperienza del match d’andata ed al di là di quello che è il cammino esterno delle isolane (solo quattro successi in tredici uscite, a fronte degli otto exploit interni nello stesso lasso di contese), il Selargius è avversaria da prendere con le pinze.

«In questo momento – ricorda Sabatelli – si stanno giocando l’opportunità di entrare ai playoff con l’ottavo (ed ultimo, ndr) posto disponibile, motivo per cui affronteranno ognuna delle quattro gare che andranno a concludere la regular season con, se possibile, il doppio dell’impegno. E noi sappiamo che già all’andata ci hanno messo in difficoltà, motivo per cui sarà opportuno tenere una condotta attenta ed ordinata sul parquet».

CAMBIO DI ROTTA – In tal senso, per il trainer campobassano, determinante sarà già l’approccio alla contesa.

«Con certezza – discetta – dovremo avere un atteggiamento differente rispetto a quello di Cagliari, dove abbiamo finito col subire i ritmi della nostra avversaria in avvio. Dovremo imporre il nostro gioco sin dall’avvio, prestando attenzione ad ogni particolare».

CAMMINO PLAYOFF – Aspetto prioritario e per nulla marginale in questo rush finale di stagione in cui le campobassane si ritrovano a gestire un margine, esiguo, ma pur sempre un piccolo vantaggio da poter (e voler) capitalizzare.

«Su quattro gare – chiosa Sabatelli – eccezion fatta per l’ultima di regular season ad Orvieto, affronteremo tutte formazioni in lotta per entrare nei playoff come Selargius oppure, come nel caso della trasferta a San Giovanni Valdarno o in occasione del match interno infrasettimanale con Umbertide, già nell’orbita post season ed impegnate ad ottenere la miglior posizione possibile. Proprio per questo ogni gara dovrà essere affrontata col massimo dell’impegno e con il giusto spirito».