Mario Martone e Augusto Pieroni ultimi ospiti di Poietica Next Start

40

nextart 6 luglio 2020

Dopo un fitto calendario di dialoghi culturali e artistici, lunedì 29 giugno e lunedì 6 luglio termina ‘Next Start’, il ciclo social della rassegna di Fondazione Molise Cultura, all’insegna del teatro, del cinema e della fotografia

CAMPOBASSO – Teatro, cinema e fotografia, con due nomi straordinari come Mario Martone e Augusto Pieroni, chiudono Next StArt, il ciclo di conversazioni online di Poietika, la rassegna di Fondazione Molise Cultura e Regione Molise che ha utilizzato Facebook, Instagram e YouTube per una serie di dirette su temi culturali e artistici. Dopo il successo dell’edizione 2019 (tra i partecipanti Vandana Shiva, Wim Mertens, Raúl Zurita, Nedim Gürsel, Letizia Battaglia), Fondazione Molise Cultura ha fortemente sostenuto l’idea di una iniziativa social con autorevoli operatori del mondo della cultura, stimolando un loro contributo non solo nei rispettivi segmenti di pertinenza, ma anche alla luce di quanto sta accadendo e della trasformazione epocale che ci sta coinvolgendo dopo la pandemia.

La “piazza virtuale” di Poietika giunge così agli ultimi incontri dopo essersi fortemente candidata quale archivio di proposte, riflessioni operative e spunti culturali. Next StArt ha affrontato varie aree tematiche, dalla letteratura alla fotografia, dalla musica all’architettura, dal teatro al giornalismo, con dialoghi sui social della Fondazione e con podcast su Spotify. Lunedì 29 giugno Leopoldo Santovincenzo dialoga con Mario Martone, una delle figure più autorevoli e prestigiose della cultura italiana, uomo di cinema e teatro. Lunedì 6 luglio si chiude con uno dei temi più amati di Poietika, la fotografia, con Eolo Perfido e Augusto Pieroni, storico e critico delle arti contemporanee, curatore e saggista, figura di riferimento nazionale nel campo delle discipline fotografiche autoriali.

Gli ospiti

29 giugno 2020

MARIO MARTONE

Mario Martone è tra i più importanti registi teatrali e cinematografici italiani. Attivo per il palcoscenico dagli anni ’70, fonda il gruppo teatrale Nobili di Rosa che poi diventerà Falso Movimento e successivamente, dalla fusione con il Teatro dei Mutamenti di Antonio Neiwiller e il Teatro Studio di Caserta di Toni Servillo, nasce Teatri Uniti. L’esordio nel lungometraggio è del 1992 con “Morte di un matematico napoletano” con cui vince il Gran premio della giuria alla Mostra di Venezia; seguiranno, tra gli altri, “L’amore molesto” tratto dal romanzo di Elena Ferrante, “Noi credevamo”, Il giovane favoloso dedicato a Giacomo Leopardi, e il recente “Capri-Revolution”. Ha proseguito, nel frattempo l’attività teatrale come direttore artistico del Teatro di Roma, condirettore del Teatro Stabile di Napoli e, ancora, direttore del Teatro Stabile di Torino. L’ultima opera, presentata alla Mostra del Cinema di Venezia e visibile su Raiplay, è una trasposizione cinematografica della commedia di Eduardo De Filippo “Il sindaco del Rione Sanità”.

LEOPOLDO SANTOVINCENZO

In Rai dai primi anni ‘90, dal 2008 coordina l’Area Programmazione editoriale del canale Rai 4 per il quale ha anche ideato il magazine Wonderland. Autore e regista di numerose produzioni televisive tra cui Felliniana (2002), Heimat. La macchina del tempo di Edgar Reitz (2003), Pasolini 1975 (2005). Ha pubblicato saggi nei volumi Guida alla letteratura noir (2019), La cura Shakespeare (2016), Riscritture. La traduzione nelle arti e nelle lettere (2013), Storie del Cinema Italiano (2005-2007), Dizionario critico dei film (Enciclopedia Treccani/Cineteca di Bologna, 2002-2003). Nel 2016 è uscito il saggio Fantasceneggiati. Sci-fi e giallo magico nelle produzioni RAI (1954-1987) scritto con Carlo Modesti Pauer. Nel 2017 ha pubblicato per i tipi di Exòrma La balena di piazza Savoia. Fa parte dell’Associazione Kiss Me Deadly che, da 5 anni, realizza a Campobasso l’omonima manifestazione.

6 luglio 2020

AUGUSTO PIERONI

Storico e critico delle arti contemporanee, curatore e saggista. Già docente di storia e critica della fotografia alle università di Roma-Sapienza e di Viterbo, oltreché presso la Scuola Romana di Fotografia, lo IED moda etc. Attualmente insegna discipline fotografiche autoriali presso Officine Fotografiche, RUFA e Door. Ideatore e coordinatore del Master di fotografia autoriale “Firma Visiva” (presso Officine Fotografiche) e del Master di nudo “Il Corpo Visivo” (presso Door). Tiene conferenze, workshop e corsi one-on-one. È autore di best seller come: Portfolio! – Costruzione e lettura delle sequenze fotografiche (2015), Leggere la fotografia – Osservazione e analisi delle immagini fotografiche (2003), Fototensioni – Arte ed estetica delle ricerche fotografiche d’inizio millennio (2000). Suoi articoli si trovano su riviste quali: Aperture (NY), HotShoe (London-NY), Eyemazing (Amsterdam), Muse Magazine (Milano).

EOLO PERFIDO

Fotografo ritrattista, il suo studio fotografico si occupa di fotografia pubblicitaria, editoriale, e fine art. Ha lavorato con alcune tra le più importanti agenzie di comunicazione del mondo tra le quali Leo Burnett, United 1861, Grey, Saatchi & Saatchi, JWT, DDBI, BBDO. I suoi lavori sono stati pubblicati su testate come il New York Times, Communication Arts, L’Espresso, Panorama First, Vision, Vogue Russia, GQ Russia, Computer Arts. Tra i suoi clienti aziende come Pepsi Cola, Samsung, Sky Television, Adidas, Opel Motors, Kraft, Gatorade, Symantec, A.C. Milan, Breil, Oxydo, Medusa Cinema. All’inizio della sua carriera fotografica è stato per molti anni assistente di Steve McCurry con il quale oggi collabora su decine di assignments in tutto il mondo. Ha avuto inoltre l’onore di assistere durante una serie di assignment grandi fotografi come Eugene Richards, Elliott Erwitt e James Natchwey.