Molisani favorirono l’immigrazione illegale: sentenza della Corte UE

Tribunale sentenza legge BRUXELLES – Il reato di favoreggiamento dell’immigrazione illegale non viene cancellato dalla successiva adesione all’Ue dello Stato di provenienza degli immigrati: è quanto ha deciso la Corte di Giustizia Ue in una sentenza che vede imputati in un procedimento penale davanti al Tribunale di Campobasso alcuni cittadini che hanno favorito l’ingresso illegale di romeni al tempo in cui la Romania non era ancora entrata a far parte dell’Unione.

“Secondo una giurisprudenza della Cassazione – spiega la Corte – in base al principio della retroattività della norma più favorevole al reo, l’adesione della Romania all’Ue “cancellerebbe” ex post (quindi retroattivamente), il reato commesso prima di tale adesione, in quanto verrebbe a mancare uno dei presupposti del reato”.

Ma la Corte, adita dal Tribunale di Campobasso, ha stabilito oggi che in questo caso non si può applicare il principio di retroattività della legge perché non c’è stato un “mutamento di parere” da parte del legislatore circa il reato.