Occupazione e crisi, le piccole imprese possono essere la chiave di svolta

68

confcommercioREGIONE – Che la crisi abbia lasciato un enorme buco nero a livello economico su tutto il territorio nazionale è cosa ormai risaputa. I dati resi noti in tutti questi anni, e anche nell’ultimo periodo, fanno percepire chiaramente quale sia la situazione e quale sia stata fino a poco tempo fa. E oggi? Oggi si tende a essere leggermente più positivi e più propositivi, cercando di dare fiducia alle piccole e medie imprese.

Il settore dell’occupazione è stato uno dei più provati dalla crisi, soprattutto se lo si riconduce al lavoro giovanile. Il tasso di disoccupazione è stato molto alto negli ultimi tempi, anche se ora sembra che qualcosa, finalmente, stia iniziando a muoversi. La cosa particolare di questa situazione è stata lo scaturire di alcuni fenomeni. Tra questi quello più eclatante è stato l’aumento delle scommesse online (dettagli su www.migliorcontocorrente.org/scommesse-online.htm). Il gioco d’azzardo era diventato, in concomitanza con l’aumento della disoccupazione, un vero e proprio fenomeno di costume. Per quanto riguarda il Molise, la regione fa parte di quella percentuale, 21%, di giocatori incalliti residenti al sud Italia. Soprattutto a Termoli si inseguiva la fortuna, ultimo baluardo di “salvezza” dalla morsa della crisi.

Un fenomeno, quello del gioco d’azzardo online, che in questi ultimi mesi sembra rientrare. Complice il fatto che la gente ha più fiducia nella ripresa economica e la consapevolezza che, se da una parte la fortuna aiuta gli audaci, dall’altra rimane sempre molto cieca e non aiuta chiunque la tenti. Ma il vero motivo per cui si tende ad abbandonare il campo del guadagno facile è che finalmente si da più fiducia alle imprese, le piccole imprese, che possono infondere nuovo vigore anche al comparto del lavoro.

In questo la regione Molise è stata molto attenta lanciando il programma “Mi fido di te”, uno strumento atto a sostenere i professionisti, piccole e medie imprese e i commercianti, in modo da rafforzare tutto il sistema economico locale. La campagna è partita a fine maggio, primi di giugno, giorni in cui la Finmolise ha iniziato a utilizzare risorse per una cifra pari a 9 milioni di euro che verranno elargiti a partire dai 5 mila ai 25 mila euro con tassi decisamente vantaggiosi. Questi variano a seconda dell’affidabilità di chi ne fa richiesta. Una nuova speranza e prospettiva che questa volta, al contrario dei guadagni aleatori, darà una concreta possibilità ai giovani molisani.