Onav ha ospitato a Campobasso la sezione del Lazio de “Le Donne del Vino”

39

donne del vino onav

La sezione di Campobasso dell’organizzazione  assaggiatori vino ospita l’associazione che valorizza  il ruolo della donna nel settore vitivinicolo

CAMPOBASSO – Onavisti e donne del vino, un connubio perfetto. La passione e la competenza degli assaggiatori si sono fuse con la professionalità e lo spirito imprenditoriale delle donne che lavorano nel settore vitivinicolo. L’occasione di incontro è stata fortemente voluta dalla sezione molisana dell’Onav (Organizzazione nazionale assaggiatori vini) che ha ospitato a Campobasso la sezione del Lazio dell’associazione nazionale “Le Donne del Vino” perché lo spirito che anima entrambe le associazioni è la condivisione della comune passione per il nettare degli dei. L’obiettivo è il medesimo: promuovere e diffondere la cultura e la conoscenza del vino e del bere consapevole. Produttrici, ristoratrici, enotecarie, sommelier, giornaliste e professioniste del settore focalizzano l’attenzione sul ruolo della donna nel settore vitivinicolo.

L’associazione, nata del 1988, è la più grande del mondo e in Italia conta più di mille associate. Manuela Zennaro e Floriana Risuglia, rispettivamente delegata e vicedelegata regionale Lazio, hanno spiegato come, nel corso degli anni, sia cresciuta la voce delle donne del vino.

“Ovviamente – hanno precisato – ci sono sempre state enologhe, produttrici, lavoratrici ma, come spesso capita, erano viste come figure secondarie. L’associazione “Le Donne del Vino” è stata in grado di puntare i fari sul ruolo della donna nel settore vitivinicolo per valorizzarlo nella società e nel lavoro che comprende tutte le categorie professionali legate all’enologia, non solo le più note ma anche le meno conosciute come architette, commercialiste o esperte di diritto vitivinicolo”. Nessuna competizione con gli uomini. “Si parla lo stesso linguaggio – ha aggiunto Zennaro – c’è rispetto, competenza, collaborazione”.

Gli eventi di degustazione, come quello che si è tenuto nel capoluogo, sono organizzati dall’Onav con cadenza mensile. L’intento è quello di divulgare la conoscenza del vino e dei territori attraverso l’analisi sensoriale dei bianchi, dei rossi, dei rosati o degli spumanti protagonisti delle serate. Inoltre l’Onav tiene dei corsi per assaggiatori rivolti agli appassionati del settore per stimolare la curiosità e l’approfondimento della cultura enologica con un approccio scientifico e competente e, allo stesso tempo, di facile comprensione. Non solo vino. L’Onav oggi si apre al mondo dell’olio, degli spiriti, delle birre strizzando l’occhio anche ai formaggi e ai salumi per ampliare le conoscenze e le capacità sensoriali e fare in modo che i partecipanti diventino dei consumatori sempre più consapevoli. Nel corso dell’incontro con l’associazione “Le Donne del Vino”, sono stati degustati otto vini vulcanici del Lazio. La delegata e la vicedelegata hanno illustrato la malvasia Igt Lazio 2020 bio delle cantine “Ciucci”, il Korì pas dosè 2016 da uve bellone dell’azienda “Cincinnato”; Primo Riserva Frascati Superiore 2020 da uve bombino, malvasia e greco delle cantine “Merumalia”; Epos, Frascati Superiore Docg Riserva 2018 da uve malvasia del Lazio, malvasia di Candia e trebbiano della cantine “Poggio Le Volpi”. Inoltre sono intervenute Gabriella Grassi dell’azienda “L’avventura” con “Camere pinte” Cesanese del Piglio Docg Superiore Riserva 2019; Marina Perinelli della cantina “Casale della Ioria” con il suo Cesanese del Piglio Superiore Docg “Tenuta della Ioria”; Pina Terenzi dell’azienda “Vini Giovanni Terenzi” con Vajoscuro Cesanese del Piglio Docg Superiore e Cristina Piergiovanni di “Casale Vallechiesa” con il suo Heredio Frascati Superiore Docg 2018 da uve malvasia del Lazio, greco e bombino.

La serata ha conquistato i soci. Degustare è condividere con passione, gusto, curiosità e piacere.

I prossimi appuntamenti sono con i riesiling dal mondo, le varie declinazioni del montepulciano, la Calabria, Cirò e company, il Verdicchio di Jesi e di Matelica, Trento Doc, il traminer, i vini flor, l’Umbria e i suoi vini e il Nebbione, questo sconosciuto.