Paziente colpito da aneurisma dell’aorta, intervento salvavita al Cardarelli

49

ospedale Cardarelli di CampobassoCAMPOBASSO – Un lavoro d’equipe, un sincronismo perfetto tra personale del Pronto soccorso, medico rianimatore, cardiologo e chirurgo vascolare. La Sanità molisana, spesso sotto i riflettori per le ormai note vicende dovute alla carenza di personale, oggi fa segnare un punto a suo favore, non l’unico per la verità. Si tratta di un delicato intervento su un uomo di 48 anni colpito da aneurisma dell’aorta toracica, evento spesso fatale per il paziente.

“Effettuare un intervento di questa portata in un ospedale – ha detto Luca Iorio, direttore facente funzioni della Unità operativa complessa (Uoc) di Chirurgia vascolare del ‘Cardarelli’ di Campobasso – è possibile farlo solo se si lavora in maniera multidisciplinare e si ha a disposizione una tecnologia adeguata”.

“Nell’emergenza tempo dipendente – le parole della direttrice della Uoc di Cardiologia, Angela Colavita – è importante intervenire rapidamente, la diagnosi precoce ci ha consentito di fare tutto ciò che era necessario per salvare la vita al paziente”.