Percorsi di autonomia per persone con disabilità, approvato protocollo d’intesa

7

filomena calendaREGIONE – E’ stato approvato il protocollo d’intesa tra l’Ambito territoriale e sociale di Termoli e l’Agenzia Regionale Molise Lavoro per l’attuazione della linea di investimento 1.2 “Percorsi di autonomia per persone con disabilità”. L’investimento, pari a  715mila euro  (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza),  ha l’obiettivo di accelerare il processo di deistituzionalizzazione, fornendo servizi sociali e sanitari di comunità e domiciliari al fine di migliorare l’autonomia delle persone con disabilità.

Il progetto è destinato ai cittadini con disabilità, maggiorenni, che vogliono intraprendere un percorso di vita indipendente. Significa potranno vivere in un gruppo appartamento e di impegneranno ad intraprendere un percorso formativo e lavorativo attraverso corsi di formazione e tirocini presso aziende anche in modalità smart working.

Proprio i gruppi appartamento sono l’innovazione e la scommessa. Con questo protocollo d’intesa ne sono stati individuati due: uno nel Comune di Larino in Via Santissimi Martiri Larinesi e il secondo nel Comune di S. Giacomo degli Schiavoni in C.so Umberto I°.

Questi gruppi appartamento nelle intenzioni degli Ambiti Territoriali Sociali di Termoli/Larino e dei partner del Terzo Settore oltre ad essere delle soluzioni alloggiative dovranno essere dei veri e propri laboratori lavorativi dove gli ospiti potranno sperimentarsi in una nuova dimensione che vede prioritaria la loro autonomia privata e lavorativa.

“Si tratta di un protocollo – ha spiegato l’assessore regionale al Lavoro e alle Politiche Sociali, Filomena Calenda –  che permetterà di migliorare la capacità e l’efficacia dei servizi di assistenza sociale personalizzati, focalizzati sui bisogni specifici delle persone disabili e vulnerabili e delle loro famiglie. Gli interventi saranno centrati sul supporto delle persone con disabilità  sviluppando soluzioni specifiche per le loro esigenze anche lavorative, al fine di garantire loro l’indipendenza economica e la riduzione delle barriere di accesso al mercato del lavoro”.