Pnrr per lo Sport, D’Angelo “Vera occasione per il Molise”?

10

d'angeloREGIONE – Dopo la pubblicazione delle due misure del Bando PNRR Sport relativo all’impiantistica sportiva sono tantissimi i Comuni che hanno contattato il Coni per avere maggiori informazioni vedendo la possibilità di realizzare finalmente impianti sportivi.

“E’ bene quindi fare un po’ di chiarezza sul Bando e sulle reali possibilità (si sono letti commenti fin troppo positivi) che offre ai Comuni molisani. Il Cluster 1 e 2 può interessare esclusivamente i due capoluoghi di Provincia e Regione, Campobasso e Isernia, con un tetto massimo di investimento di €. 1,5 milioni e se si partecipa ad entrambi, il Cluster 2 deve avere un minimo del 40% della somma totale (circa €. 600 mila).

Come mi ha detto qualcuno “la ciccia” per il Molise poteva stare sul Cluster 3 che prevedeva un massimale di spesa di €. 4 milioni a progetto, con l’obbligo della manifestazione di interesse da parte di una Federazione sportiva e per un solo progetto….ma si tratta della Federazione sportiva Nazionale: quindi significa 45 progetti in tutta Italia (più le dieci del CIP).

Forse chi siede nelle stanze dei bottoni avrebbe dovuto rivedere la situazione impianti in Italia e capire che forse un finanziamento più capillare avrebbe agevolato quei piccoli comuni che hanno necessità di un impianto coperto nel proprio paese per far fare attività sportiva a tutti quei ragazzi che non hanno possibilità.

Qualora una Federazione Nazionale debba decidere se fare una pista di atletica a Campobasso (e parlo del capoluogo di Regione) piuttosto che in un paese della Campania, della Puglia o della Sicilia mi pare logico che opti per realtà più grandi della nostra come popolazione, tesserati e atleti agonisti, e cosa potrebbe succedere se la richiesta arrivasse da Bojano, Termoli o Venafro o da Comuni ancora più piccoli?

La mia idea (personale) è che, dopo un censimento tra le palestre scolastiche di tutta Italia, si dovrebbero trovare le risorse per intervenire laddove queste fossero fatiscenti, pericolanti o chiuse; questa forse sarebbe la vera svolta dello sport in Italia, perché se andiamo ad inserire, giustamente, l’educazione fisica in 4 e 5 elementare con gli insegnanti di ruolo e poi non abbiamo le palestre dove andare a fare attività che svolta sarà?” è questa la nota di D’Angelo del Coni Molise.