Poste, D’Alessandro: “A distanza di un anno dalla sperimentazione del nuovo servizio di recapito siamo ancora al punto di partenza”

415

CAMPOBASSO – Riceviamo e pubblichiamo il comunicato di Antonio D’Alessandro, Segretario Interregionale Aggiunto SLP-CISL Abruzzo Molise.

“Qualche giorno fa mi sono soffermato a vedere un amico e collega portalettere che si rinfrescava con l’acqua di una fontanella per trovare refrigerio. Erano le 14,30 e la temperatura era vicina ai 41 gradi. Io stavo semplicemente camminando ed ero un bagno di sudore, mentre lui stava lavorando sotto il sole, consegnava la posta a temperature proibitive. Gli ho chiesto: “Ma come fai? Ci sono 40 gradi, non si può lavorare in queste condizioni…”. Mi ha risposto: “Infatti, qualche giorno fa un collega è svenuto e lo hanno portato all’ospedale. Io ho una famiglia con due figli. Per loro lavorerei anche 24 ore al giorno, per farli stare bene e vederli sorridere. Ho la schiena a pezzi e la pelle bollente, ma devo lavorare…”. Sono rimasto senza parole e ho ripreso il mio cammino, ma continuavo a pensare a quell’amico, collega e padre di famiglia. Ci sono colleghi che s’impegnano quotidianamente e si danno da fare, ma che nessuno considera davvero. Non sono degli eroi, non sono dei martiri… chiamiamoli semplicemente lavoratori che fanno grande la nostra Azienda. E pensare che, mentre il portalettere sotto il sole si rinfresca con l’acqua della
fontana, non si può dire la stessa cosa di qualche dirigente che sta al fresco a organizzare un servizio che fa acqua da tutte le parti! A distanza di un anno dalla sperimentazione del nuovo servizio di recapito, praticamente siamo ancora al punto di partenza…”.