Progetto Reboot del Rotary: supporto ai computer obsoleti

43

reboot rotary club

Nuova accelerata all’iniziativa tesa ad aiutare chi ha bisogno di dispositivi tecnologici.  Il club di Agnone fa appello ai cittadini per donare pc usati da rigenerare

AGNONE – I vecchi pc possono tornare a ‘vivere’ e a rappresentare un aiuto fondamentale per coloro che, nel rispetto delle norme di contrasto al Covid-19, seguono la didattica a distanza o si trovano in regime di lavoro agile.

Il Distretto 2090 del Rotary club, quello cioè che comprende Molise, Abruzzo, Marche e Umbria, ha avviato mesi fa il progetto Reboot con cui si raccolgono computer obsoleti, che poi vengono rigenerati e messi a disposizione di chi ne ha bisogno.

Visti i buoni risultati ottenuti nella prima fase di questa campagna solidale, il Rotary di Agnone ha inteso rilanciare l’appello a donare pc ormai in disuso, che verranno rimessi in funzione a spese del club e poi offerti a famiglie indigenti, parrocchie, associazioni e case di riposo.

La presidentessa Manuela Di Lullo ha voluto quindi spronare tutti i cittadini a compiere un gesto piccolo, ma che può aiutare molto chi non ha la possibilità di acquistare un computer e che, a causa di questa condizione, rischia di rimanere indietro.

Il riferimento è soprattutto ai ragazzi che stanno studiando in Dad e che, seppure torneranno in classe lunedì 18 gennaio, con gli scaglionamenti previsti dalle norme nazionali e regionali, sentono costantemente la necessità di un supporto tecnologico.

«Queste apparecchiature possono non essere alla portata di tutti – ha spiegato la presidentessa del club agnonese Manuela Di Lullo -, soprattutto in un periodo di crisi economica come quello attuale. E allora noi del Rotary vogliamo come sempre dare un contributo di solidarietà. I pc che ci verranno donati saranno ricondizionati a nostre spese, dopodiché li consegneremo a chi ne avrà bisogno. I nostri volontari si occuperanno anche del montaggio e dell’assistenza nei casi che lo richiederanno».

Il Rotary ricorda inoltre che un computer contiene metalli altamente inquinanti e, una volta dismesso, dovrebbe essere smaltito in centri specializzati.

«Recuperare un computer obsoleto – spiegano dal club – significa impedire che metalli pesanti e plastiche vadano dispersi».

Chi volesse regalare il proprio pc vecchio e non funzionante può contattare il Rotary club di Agnone tramite la pagina Facebook oppure consultare il sito www.rotary2090.it.