Reddito di cittadinanza, gli irregolari in Molise nel 2016 erano 17mila

CAMPOBASSO – La metà della platea dei teorici destinatari del Reddito di cittadinanza potrebbe essere composta da persone che lavorano in maniera irregolare e che, in sostanza, non ne avrebbero diritto.

È lo scenario ipotizzato dalla Cgia che, “a causa dell’assenza di dati omogenei relativi al numero di lavoratori in nero che si trovano anche in stato di deprivazione – afferma il coordinatore dell’ufficio studi della Cgia, Paolo Zabeo – non possiamo dimostrare con assoluto rigore statistico”.

In Molise, secondo un’elaborazione dell’associazione degli artigiani su dati Istat, nel 2016, ultimo anno in cui è disponibile una distribuzione territoriale, erano 17mila i lavoratori occupati irregolari che avrebbero generato un valore aggiunto sommerso pari al 7% del Pil regionale.

In questa classifica il Molise si posiziona al quinto posto, insieme alla Sardegna, nella graduatoria nazionale del sommerso. Al primo posto la Calabria (9,4%), all’ultimo il Veneto (3,8%).