Teodoro Vietri fu proprietario del “ Crown Theater” di Lowell in Massachusetts

29

crown theatre

Era nato a Ripabottoni, in provincia di Campobasso, nel 1880. Il nipote, Anthony Joseph Vietri, morì eroicamente in Germania durante la Seconda Guerra Mondiale.

RIBABOTTONI – Teodoro “Therdore” Vietri nacque a Ripabottoni, in “via San Luca”, il 17 settembre 1880, da Giuseppantonio (venticinquenne “contadino” – figlio di Teodoro e Maria Spada) e da Rosa Fiorito (ventiduenne “contadina” – figlia di Isidoro e Angela Ciarla). I suoi genitori si erano sposati il 30 novembre del 1878. Teodoro arrivò negli Stati Uniti, con la sua famiglia, nel 1898. Avevano viaggiato sul piroscafo “Trojan Prince”.

La famiglia Vietri stabilì la sua residenza a Newport, nel Rhode Island. Studiò musica a Newport e successivamente a Boston. Personaggio poliedrico fece diverse attività: fondò una piccola band, compose numerose canzoni popolari e culturista . Organizzò incontri di pugilato e wrestling. Ma la cosa che lo rese famoso fu l’essere proprietario, a Lowell , contea di Middlesex, in Massachusetts, di un prestigioso teatro il “ Crown Theater” (900 posti). Nel suo teatro, frequentatissimo, si esibirono numerosi attori e cantanti al tempo famosissimi. Solo nel 1948 decise di cedere il “Crown Theater” alla “Allen Theatre Corp.” di Irving Sesson. Ebbe quattro figli: Juanita, Norma, Theodore e Joseph.

Il suo “Crown Theatre” divenne, alla fine degli anni ’70, una sala giochi e qualche anno dopo chiuse per sempre. Teodoro “Theodore” Vietri gestì anche il “ Bijou Theatre” a Newport nel Rhode Island. A Newport visse anche suo fratello Isidoro (nato a Ripabottoni il 27 agosto 1882 e morto a Newport nel gennaio del 1980) che gestì una barberia. Un nipote di Teodoro “Theodore” (figlio del fratello Isidoro) il sottotenente Anthony Joseph Vietri morì eroicamente a Mannheim (Germania), durante la Seconda Guerra Mondiale. Ottenne la “Air Medal” (decorazione militare nel 1942 assegnata per singoli atti di eroismo o per meriti conseguiti durante la partecipazione a voli aerei) e la “Purple Heart” ( decorazione delle forze armate statunitensi assegnata in nome del Presidente degli Stati Uniti a feriti o uccisi in combattimento). Oggi riposa nel “ Lorraine American Cemetery and Memorial” in Francia.

A cura di Geremia Mancini – presidente onorario “Ambasciatori della fame”