Tocatì, Festival Internazionale dei Giochi in Strada con 250mila partecipanti

74

Presente a Verona anche la Fondazione Agostina Piccoli, Montemitro (Campobasso)  con il gioco della Pljočka

pljockeVERONA – Si è conclusa domenica 18 settembre la quattordicesima edizione di Tocatì, Festival Internazionale dei Giochi in Strada, organizzato da Associazione Giochi Antichi in collaborazione con il Comune di Verona – Area Cultura e Turismo. Circa 250.000 persone hanno preso parte alle numerose attività presentate nelle strade e nelle piazze del centro storico di Verona, per l’occasione chiuso al traffico.

Grande successo per la Fondazione Agostina Piccoli di Montemitro, Campobasso, Molise, presente al Festival con il gioco della Pljočka.

Montemitro è uno dei tre paesi dell’Appennino molisano in cui sono ancora oggi presenti comunità croate che parlano l’idioma dell’antica patria e qui ha sede la Fondazione intitolata ad Agostina Piccoli, studiosa locale che dedicò la sua vita ad approfondire e tramandare la storia e la cultura della Croazia, terra d’origine dei suoi avi. Fu questa minoranza a mantenere e trasmettere il gioco delle Pljočke, attività ludica molto simile alle bocce, praticata dalla comunità croata del Molise con lastre di pietra grandi come il palmo di una mano.

Oltre alla lastra di pietra è necessario per giocare anche un boccino, detto balin o štritj. Si gioca a squadre su un terreno compatto, ogni squadra può essere composta dai due ai quattro giocatori. Il gioco inizia con il lancio del boccino, quindi il giocatore di turno lancia la sua pljočka per avvicinarvisi il più possibile in modo da fare punto. Alla fine del turno di lancio si contano i punti totalizzati dalle due squadre.

Particolare attenzione, oltre alla Pljočka, ai circa 40 giochi tradizionali provenienti da varie regioni italiane e dagli Ospiti del 2016, 4 province della Repubblica Popolare Cinese: Guizhou, Beijing, Shanxi e Shenzen. Un confronto di tradizioni dei territori italiani e cinesi nel gioco, nella danza, nella musica, nella cultura.

Molto apprezzate le comunità di gioco cinesi, che hanno presentato giochi come la strabiliante gara di velocità richiesta per Bamboo Egg, le acrobatiche esibizioni dei giocatori di Shuttlecock Match, le ardite performances dei lottatori di Dong Wrestling Lahantou e Peg-Top.

Come ogni anno, numerosi i giochi provenienti da varie regioni d’Italia, tra cui Pallone col Bracciale (Marche), Truc (Friuli Venezia Giulia), Spàcciare (Veneto) e Ruzzolone (Emilia Romagna).