X° Certamen, workshop sulla didattica del latino a Campobasso

33

certamen workshopCAMPOBASSO – Il sipario si alza, le tavole del palcoscenico si animano di passi, voci, sguardi e gesti, i personaggi prendono vita con i loro costumi colorati. È tutto pronto: si va finalmente in scena con un’emozione vera, attesa ormai da tre anni.
Il teatro ritorna a scuola e nasce a scuola grazie ad un progetto PON di integrazione e accoglienza, “Petrone insieme 1 e 2”, che vedrà il momento conclusivo giovedì 29 settembre 2022 alle ore 17 presso l’Auditorium “A. La Mensa” dell’Istituto Comprensivo “Petrone”.
Il percorso teatrale, proposto dalle docenti A. Dalicco, A. Minicucci, F. Presutti e V. Barulli, ha avuto come protagonisti i ragazzi delle classi seconde e terze della scuola secondaria di I grado ed è stato articolato in attività di carattere ludico-didattiche di sperimentazione attoriale. L’esperienza del laboratorio teatrale, inoltre, ha voluto favorire il benessere psico-fisico e sociale dei ragazzi per guidarli alla presa di coscienza di sé, alla scoperta e allo sviluppo delle potenzialità creative e della socializzazione attraverso la valorizzazione della fantasia e dell’espressività mimica, conducendoli quindi ad un uso nuovo e consapevole del gesto, della voce e del movimento.

Questa dimensione espressivo/creativa ha avuto anche un valore terapeutico ancor più importante dopo questi anni di emergenza pandemica, perché ha permesso di migliorare la comunicazione, di essere disponibili al dialogo, di abbattere le barriere tra docenti e studenti, di migliorare la relazione di gruppo, di sdrammatizzare le situazioni, di stimolare la formazione del senso critico, di cogliere gli aspetti multiformi della realtà.

“L’Appetito vien leggendo”, questo il titolo dello spettacolo, è incentrato sull’importanza della lettura, spesso trascurata dai ragazzi dell’era digitale. I protagonisti riscoprono in maniera del tutto inaspettata il fascino della lettura che riesce a stimolare la loro fantasia, portandoli ad esplorare mondi e vissuti lontani dai propri. Visto il grande entusiasmo nei “piccoli attori” si può affermare che il progetto ha colto nel segno!