Agro-climatico e Biologico per le imprese molisane: come fare domanda

8

agricoltura

Entro il 16 maggio le domande per l’annualità 2022. Cavaliere: “pubblicato il nuovo bando che consente alle imprese agricole molisane, impegnate negli ultimi sette anni di PSR, di non perdere i finanziamenti in attesa della nuova Programmazione”

CAMPOBASSO – L’assessorato regionale all’Agricoltura informa che sono aperti i termini per la presentazione delle domande di pagamento inerenti la misura 10 (sottomisura 10.1 – interventi 10.1.1 e 10.1.3) e la misura 11 (sottomisura 11.2 – intervento 11.2.1) per l’anno 2022. Gli interventi riferiti alla sottomisura 10.1, ‘Pagamenti Agro-climatico Ambientali’, riguardano la riduzione e l’uso sostenibile degli input chimici e le forme di allevamento più estensive per il miglioramento della biodiversità. L’intervento invece inerente la sottomisura 11.2, ‘Sostegno al mantenimento pratiche e metodi di produzione biologica’, è relativo al mantenimento appunto delle pratiche e dei metodi di produzione biologica.

Il bando, che rientra nel PSR Molise 2014 – 2022 ed è consultabile sul portale della Regione e su quello dedicato al Programma di sviluppo rurale regionale, è riservato ai soli soggetti che hanno rilasciato e sottoscritto una domanda di pagamento, quale conferma del settimo anno di impegni, nell’annualità 2021.

La finalità del bando, che ha la durata di un solo anno, è pertanto quella di concedere il sostegno ai soggetti che hanno completato il contratto settennale che sottende gli interventi richiamati. E che per l’annualità 2022 si troverebbero di fatto scoperti, in quanto ricadenti nell’ottavo anno.

“Al fine di evitare l’uscita di tali soggetti – commenta Nicola Cavaliere – dagli impegni mantenuti nel settennato, con tale iniziativa si dà quindi l’opportunità di continuare nel mantenimento degli impegni stessi, in attesa dell’apertura dei nuovi bandi previsti con la nuova programmazione e con le regole stabilite per il 2023″.

“Offriamo alle imprese agricole l’occasione – aggiunge infine l’assessore – di affrontare e superare questo delicato momento di passaggio tra vecchia e nuova programmazione senza particolari conseguenze, potendo continuare ad essere competitive e ad investire sulla biodiversità e su un’agricoltura sempre più verde e pulita”.

Le domande devono essere presentate entro il 16 maggio 2022, si invitano le aziende a rivolgersi ai CAA per tutta la consulenza necessaria.