Isernia, atto vandalico contro la sede della Croce Rossa

64

Fabio Rea: “Faremo richiesta di installare telecamere di sorveglianza per punire i colpevoli che inspiegabilmente e continuatamente bersagliano la nostra Croce Rossa Italiana”

croce rossa isernia logo

ISERNIA – Nuovo atto vandalico, il sesto registrato ai danni di sede e mezzi della Croce Rossa di Isernia. É stata aperta un nuova indagine da parte dei Carabinieri. Si registrano danni ingenti dovuti al lancio di sassi e vasi contro ambulanze e il cancello della sede di via Pascoli.

Questo il commento di Fabio Rea, presidente del comitato: “Non se ne può più subiamo atti vandalici ripetutamente e sinora sono migliaia gli euro spesi per riparare i danni alle ambulanze.  Non riteniamo, prosegue Rea, che gli autori siano solo giovani ubriachi di fine movida notturna. Siamo autorizzati a pensare che c’è qualcosa di più. Come si fa a trasportare grossi vasi di fiori e buttarli poi esclusivamente all’entrata della nostra sede. Faremo richiesta di installare telecamere di sorveglianza per punire i colpevoli che inspiegabilmente e continuatamente bersagliano la nostra Croce Rossa Italiana”.

Sull’accaduto c’è stato anche l’intervento da parte della consigliera della Regione, Filomena Calenda che ha espresso la sua solidarietà nei confronti del comitato locale della CRI di Isernia: “Ignoti hanno provocato danni ingenti ai mezzi di soccorso della CRI. Sono vicina al presidente del Comitato pentro, Fabio Rea, e a tutti i volontari, costantemente impegnati nel supportare chi si trova in condizioni di difficoltà, anche in un momento delicato come quello che stiamo attraversando.

Spero si faccia chiarezza sull’accaduto, è la sesta volta nel giro di pochi mesi che vengono presi di mira i mezzi della Croce Rossa di Isernia. Questi atti colpiscono chi si prodiga quotidianamente per gli altri, chi agisce con senso di comunità, chi è disposto a sacrificare i propri affetti, il proprio lavoro e, persino la propria vita”.