Campobasso Calcio – Polisportiva Kalena 1924 1-4: il racconto del match

46

campobasso vs kalena

CAMPOBASSO – Dopo 69 giorni di digiuno torna alla vittoria la Polisportiva Kalena espugnando l’Antistadio Selvapiana del Campobasso Calcio. L’undicesima giornata del Campionato regionale di Prima categoria si conclude con un sonoro 4-1 in favore dei ragazzi di mister Cinquino che sono ora chiamati ad un 2023 fatto di grinta e coraggio per migliorare la classifica e uscire dalla zona playout.

Prima del via si è osservato un minuto di silenzio in ricordo di Sinisa Mihajlovic, ex calciatore e tecnico serbo prematuramente scomparso il 16 dicembre.

La partita campobassana, diretta dal signor Giuseppe Cinalli della sezione di Termoli, inizia subito a tinte rossonere: Mateo Fezo si procura una preziosa punizione dal limite dell’area, Iacobelli disegna una bella parabola ma la palla si spegne sul fondo. La Kalena sembra essere in palla, ma i padroni di casa di mister De Libero trovano importanti ripartenze che fanno male alla difesa ospite. Al 15’ un colpo di testa dell’esterno rossoblù De Vito sfiora il palo: l’azione sembra mandare in confusione gli ospiti che perdono palla sulla rimessa dal fondo, ne approfitta Nico Polzella che dal limite fa partire un fendente che non lascia scampo all’estremo difensore della Kalena: 1-0 per il Campobasso.

La Kalena prova a riorganizzare le idee ma prima di arrivare al tiro passano quasi 10’: è Di Lalla con una spizzata a centro area a far provare un brivido al Campobasso. Al 26’ Younusse Diatta cerca il gol del pareggio con una punizione dal limite che sfiora il palo alla sinistra di Palladino.

La Kalena accelera e il Campobasso sembra essere già in riserva. Al minuto 31 contropiede di Di Lalla che serve Diatta: il numero 11 però non è preciso e la palla va fuori.

I padroni di casa provano a reagire al 34’ con un tiro dal limite di Ialicicco che finisce sul fondo. Inizia il recupero della prima frazione e i padroni di casa hanno l’occasione del 2-0: Polzella va via in contropiede, serve Vanga che però clamorosamente manda il pallone fuori da posizione favorevolissima. Il direttore di gara manda tutti negli spogliatoi e al rientro in campo si aprono le danze rossonere.

Minuto 56: Iacobelli ci prova dalla distanza e Palladino manda in angolo con un colpo di reni. Sugli sviluppi del corner è l’ormai riconosciuto “killer instinct” di Domenico Di Lalla a regalare il pareggio ai rossoneri: il numero 9 si fa trovare al posto giusto nel momento giusto ed è 1-1!

La Kalena si galvanizza e sei minuti più tardi trova il sorpasso: Diatta semina scompiglio nella retroguardia di casa e appena dentro l’area viene “abbattuto” da un difensore. Per l’arbitro Cinalli non ci sono dubbi: rigore!

Sul dischetto si presenta Di Lalla che con una fucilata sotto il sette sigla il 2-1!

Il Campobasso è alle corde ma prova un ultimo colpo di reni con il solito Polzella: la sua punizione dal limite è però troppo alta per ambire al pareggio.

La Kalena vuole chiudere i conti e ci riesce all’80’ con Michele Iacobelli e la sua specialità: il tiro da fuori. Non ci sono speranze per Palladino e i rossoneri vanno sul 3-1. È il colpo del definitivo ko per i padroni di casa che capitolano definitivamente al 91’ con un autogol di Valerio.

Finisce 4-1 e arriva il primo sorriso sulla panchina rossonera per mister Cinquino che conquista i tre punti sul campo che per anni lo ha visto protagonista da giocatore.

“Finalmente! – esulta il tecnico della Polisportiva Kalena 1924, Silvio Cinquino – Sfrutto questo avverbio per esprimere il mio sentimento di liberazione da una prima vittoria (con la mia gestione) che sembrava non arrivasse mai e che era diventata un vero e proprio tabù da sfatare. Infatti, nelle scorse partite, dopo essere stati raggiunti al 94′, rimontati di 3 gol prima e di 2 poi, anche sabato sembrava una giornata negativa, visto che il primo tempo l’abbiamo chiuso sotto di un gol e con atteggiamento rinunciatario… ma mi sbagliavo. Infatti è avvenuta una grande reazione della squadra, che ha trasformato la rabbia accumulata in voglia di vincere. Per questo motivo faccio un plauso ai miei ragazzi per la grande prova di carattere, sperando nella loro grande voglia di apprendere ed amare questo magnifico sport, soprattutto perché hanno enormi margini di crescita e sicuramente li aspetta un 2023 ricco di soddisfazioni”.

Chiuso il 2022 sportivo la Polisportiva Kalena 1924 tornerà in campo l’8 gennaio 2023 per la sfida casalinga contro la Chaminade.