Campobasso, Di Bartolomeo e Rivellino ricordati in Consiglio Comunale

35

Campobasso municipio

CAMPOBASSO – È iniziato con il ricordo dell’ex sindaco Gino Di Bartolomeo il consiglio comunale di Campobasso in corso questa mattina in modalità mista. A ricordare la figura politica e umana di Gino Di Batolomeo, sindaco di Campobasso dal 2009 al 2014 e venuto a mancare all’affetto dei suoi cari lo scorso 18 febbraio, sono stati tutti gli schieramenti politici presenti in consiglio comunale, con i loro interventi, iniziando da quello del sindaco Gravina.

“Qualche giorno fa la città ha vissuto un momento certamente triste con la perdita del suo ex sindaco Di Bartolomeo. – ha ricordato Gravina – Di Bartolomeo ha vissuto fino alla fine con la consapevolezza del ruolo che aveva ricoperto all’interno del Comune di Campobasso e in tutte le altre istituzioni. Parlare con lui che rappresentava una vera e propria memoria storica della politica regionale, è sempre stato un momento di arricchimento personale del quale gli sarò per sempre grato. La città gli ha tributato quello stesso affetto spontaneo che lui avrebbe tanto apprezzato”.

Il consigliere della Lega, Alberto Tramontano, ha voluto ricordare l’attenzione che Di Bartolomeo riservò alla sicurezza delle strutture scolastiche durante il suo mandato da sindaco, nonostante le difficoltà insite nel patto di stabilità, e l’intuito straordinario nella lettura degli atti amministrativi e politici che lo ha caratterizzato nella sua lunga e completa carriera politica, insieme all’attenzione umana per i suoi cittadini.

Il consigliere di La Sinistra per Campobasso, Antonio Battista, ha voluto ricordare nel suo intervento iniziale sia la figura di Gino Di Bartolomeo e sia quella di Mario Rivellino, ex consigliere e assessore comunale, deceduto proprio domenica 20 febbraio. “Per entrambe queste figure la città ha un dovere di riconoscenza”, ha detto Battista che ha sottolineato, in primo luogo, come Gino Di Bartolomeo sia stato capace di costruire rapporti diretti con la gente che poi ha coltivato nel tempo, con la sua passione sincera che lo caratterizzava insieme a una vivacità politica e intellettuale preziosa. Di Mario Rivellino, divenuto prima consigliere comunale nel 1985 nelle fila dell’allora Democrazia Cristiana e poi assessore, Battista ha ricordato l’importante e innovativa attività svolta come precursore nell’ambito dei patronati cittadini, collaborando, a margine della sua vita lavorativa e politica, attivamente con la Caritas diocesana.

L’intervento di Domenico Esposito, consigliere di Forza Italia, ha concluso il momento di commemorazione dedicato a Gino Di Bartolomeo, ripercorrendone le tappe più significative della sua carriera politica e sottolineando l’ascolto continuo delle esigenze dei cittadini che ha caratterizzato l’operato politico dell’ex sindaco di Campobasso.