Campobasso, Giornata della Memoria: tutte le iniziative previste

73

comune campobassoCAMPOBASSO – In occasione della Giornata della Memoria, in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici nei campi nazisti, si terrà domani, giovedì 26 gennaio alle ore 10, presso l’Auditorium del Liceo Classico di Campobasso (via Scardocchia) la proiezione del film “Storia di una ladra di libri”.

Il film, tratto dall’omonimo romanzo, si svolge in Germania durante la Seconda Guerra Mondiale e racconta la Storia della piccola Liesel, una bambina adottata che non ha mai frequentato la scuola ma che grazie agli insegnamenti del suo nuovo papà impara ben presto a leggere. È grazie all’amore per la lettura che supera l’iniziale diffidenza verso Max, un ebreo che i suoi genitori nascondono nel sottoscala della loro cantina. Insieme a lui legge i romanzi che salva dai roghi nazisti. Per entrambi l’immaginazione diventa l’unico modo per sfuggire all’orrore che si scatena intorno a loro. Un film ricco di emozioni che affronta temi universali come l’amicizia, la forza dell’animo umano, il potere delle parole, e che sarà certamente un’occasione di conoscenza e riflessione per gli studenti delle scuole sui temi legati all’Olocausto e ai crimini commessi dal nazismo. La regia di “Storia di una ladra di libri” è di ben Brian Percival e i protagonisti sono il premio Oscar Geoffrey Rush, Emily Watson, Sophie Nelisse e ben Schnetzer.

L’iniziativa, proposta dall’Associazione “Libera Contro le Mafie” di Campobasso, è promossa dall’assessorato alla Cultura e Pari Opportunità di Palazzo San Giorgio e curata dall’associazione Culturale Molise Cinema.

Ma non è questa l’unico appuntamento che il Comune ha organizzato per il Giorno della Memoria: il 27 gennaio alle ore 11,30 infatti presso il Parco della Memoria (in caso di condizioni meteo avverse nell’auditorium dell’Istituto Comprensivo Montini) si terrà la cerimonia commemorativa a cui parteciperanno sia l’orchestra della Montini che l’attore Francesco Vitale il quale ricorderà lo sterminio degli ebrei attraverso la lettura di alcune poesie di Gertrud Kolmar.