Campomarino – Città d’Isernia, la finale della Coppa Italia Dilettanti 2021/22

27

Si disputerà sabato 26 febbraio alle ore 15 a Montenero di Bisaccia la Finale Regionale di Coppa Italia Dilettanti

campomarino isernia 26 febbraio 2022MONTENERO DI BISACCIA – Si svolgerà il 26 febbraio 2022 presso lo Stadio “V. De Santis” a Montenero di Bisaccia (CB) la Finale Regionale di Coppa Italia Dilettanti, una tra le principali competizioni sportive della Lega Nazionale Dilettanti Comitato Regionale Molise, dedicata alle società di Eccellenza e Promozione. Alle ore 11.00 presso la Sala Consiliare del Comune di Montenero di Bisaccia si terrà la presentazione ufficiale dell’evento con l’esposizione della Coppa, alla presenza del Sindaco del Comune ospitante e delle due squadre finaliste, unitamente ai sindaci dei comuni di Campomarino ed Isernia e alle Autorità sportive e politiche della Regione.

Alle ore 15.00, verrà disputata, la Finale Regionale della Coppa Italia Dilettanti tra le società A.S.D. Campomarino e S.S.D. Città di Isernia S. Leucio. Per la Finale è previsto lo svolgimento di due tempi da 45 minuti ciascuno; qualora al termine dei 90’ regolamentari si verificasse una situazione di parità, si procederà alla disputa di due tempi supplementari di 15 minuti ciascuno.

In caso di ulteriore parità si provvederà ad effettuare 5 tiri di rigore per squadra, in alternanza. Perdurando la situazione di parità, si procederà con i tiri di rigore ad oltranza (secondo quanto previsto dalle Istruzioni relative alla esecuzione dei tiri dal punto del calcio di rigore – Regola 10 delle Regole del Giuoco del Calcio).

La società vincente si qualificherà alla Fase Nazionale della competizione che prenderà il via mercoledì 9 marzo 2022. Si comunica, altresì, che in occasione della Finale Regionale della Coppa Italia Dilettanti, per l’accesso allo Stadio “De Santis” sarà necessario essere in possesso del Green Pass Rafforzato e mascherina FFP2.

Saranno osservate tutte le ulteriori prescrizioni “anti covid 19” attualmente in vigore, ivi compresa, ovviamente la prescrizione che prevede l’accesso allo stadio ridotto al 75% della capienza massima.