Concorso ‘Scatti d’acciaio’ 2022: premi speciali e mostra

42

rossella ferro mostra

Venti fotografi ed un totale di 94 foto sotto l’occhio della giuria composta da Mino Pasqualone, Stefania Visconti e Francesco Dragonetto

CAMPOBASSO – I tre corridoi scenografici con pareti particolari in legno e le foto legate ai momenti più particolari dell’inizio di dicembre per i #fioridacciaio hanno richiamato tanti curiosi – domenica sera – che, oltre a raggiungere l’Arena per la sfida valida per l’ultima di andata tra La Molisana Magnolia Campobasso e San Martino di Lupari, hanno potuto vedere da vicino nel foyer dell’impianto del capoluogo di regione sottesa al concorso ‘Scatti d’acciaio’, l’iniziativa (nello specifico un contest di istantanee) condotta in sinergia tra il club del capoluogo di regione e l’associazione ‘Vivan Maier: centro per la fotografia’, il club cittadino di appassionati del settore.

VENTI AUTORI – Degli oltre trenta fotografi accreditatisi, alla fine sono stati venti quelli che hanno inviato le proprie foto (un totale di 94) per la kermesse, tutti presenti con uno scatto scelto dai curatori della mostra. Esposte così ci sono le opere di Pasquale Arteritano, Michele Bagnoli, Giuseppe Bernardo, Carmine Brasiliano, Elio Castaldi, Ilenia Corso, Michele D’Amato, Simone Di Niro, Mauro Grassi, Carmine Marinaro, Andrea Montella, Carlo Pane, Giuseppe Pasquale, Nando Russo, Stella Salvatore, Antonio Siano e Giuseppe Terrigno.

NEL CONCORSO – Oltre allo specifico della mostra, peraltro, nella settimana che ha preceduto la gara a Moncalieri si era riunita la giuria composta dal fotografo professionista Mino Pasqualone, dalla dirigente del club dei #fioridacciaio Stefania Visconti e dal responsabile del vivaio Magnolia Francesco Dragonetto, che ha definito due premi speciali (un terzo è stato tributato direttamente dal capitano delle rossoblù Stefania Trimboli) ed i primi tre classificati.

Sul fronte dei premi speciali, quello per l’originalità è andato a Giuseppe Terrigno per aver esplorato nuove vie cestistiche, mentre quello della creatività è stato assegnato ex aequo a Elio Castaldi e Giuseppe Terrigno con alla base della motivazione l’armonia compositiva, le cromie e la capacità di cogliere l’attimo senza cadere nell’aspetto giornalistico, ma mantenendo una linea artistica. Elio Castaldi, da parte sua, ha vinto anche il premio tributato dalla playmaker rossoblù Trimboli per aver racchiuso il momento che caratterizza ogni gara interna delle rossoblù, ossia il pathos legato al pubblico campobassano pronto ad esultare per un canestro delle proprie beniamine.

Relativamente al concorso tout court al terzo posto si è classificata Stella Salvatore con una foto slanciata ed armonica nella composizione con tutti gli elementi del basket presenti nello scatto. Al secondo posto si è, invece, piazzato Carmine Marino con una foto d’impatto per la composizione e per il significato, perché la presenza e la posizione armonica di coach Sabatelli e capitan Trimboli sono stati agli occhi dei giurati un binomio assolutamente vincente. Ad imporsi, infine, è stato Carmine Brasiliano con uno scatto in cui dinamicità e composizione della scena creavano una piacevole visione d’insieme.

Alla presenza del presidente Antonella Palmieri, del vicepresidente Valeria Cavaliere e del direttore generale Rossella Ferro, i vincitori sono stati omaggiati durante l’intervallo lungo della sfida di mercoledì contro San Martino di Lupari con delle confezioni di pasta La Molisana, una t-shirt iMagnolia firmata dalle giocatrici della prima squadra di A1 dei #fioridacciaio e, per il vincitore, un pallone da basket, altrettanto autografato.

MOSTRA VISITABILE – Dopo il vernissage del 21, la mostra legata al contest ‘Scatti d’acciaio’ continuerà ad essere visitabile nel foyer dell’Arena in occasione di tutti i confronti interni per le prime squadre (l’A1 e la compagine cadetta di B) del club del capoluogo di regione durante i primi mesi dell’entrante 2023.