Consegna di ricompense ed onorificenze al Comando Provinciale di Campobasso

18

onoreficenze ricompense cc campobasso

CAMPOBASSO – Il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Campobasso, Colonnello Emanuele Gaeta, nella mattinata odierna presso la sede di Via Mazzini nel corso di una sobria cerimonia, ha proceduto alla consegna di ricompense ed onorificenze ad alcuni militari operanti sul territorio provinciale del capoluogo.

Durante la breve cerimonia, svoltasi in ottemperanza alle limitazioni connesse all’emergenza da Covid-19, il Colonnello Gaeta, che a breve lascerà l’incarico di Comandante Provinciale, prima della consegna delle onorificenze e delle ricompense ha tenuto a ringraziare e a congratularsi con tutto il personale premiato per il servizio quotidianamente prestato sul territorio provinciale.

Nel dettaglio, sono state consegnate: una “Medaglia per Militari di lungo comando di 1° grado” al Colonnello Maria Giuseppe Crisà, attuale responsabile della Sezione di P.G. aliquota Carabinieri presso la locale Procura della Repubblica, tre Croci d’oro con stelletta, alto riconoscimento rilasciato dopo quarant’anni di servizio militare, al Mar. Magg. Luigi Massimo Londei, al Brigadiere Capo Q.S. Natalino Rosa ed al Brigadiere Capo Q.S. Sergio Ponza.

Ben quindici i militari insigniti con le Croci d’oro con stelletta per i venticinque anni di anzianità di servizio militare, consegnate al Luogotenente Vincenzo Paladini, al Mar. Magg. Fabrizio Tavani, al Mar. Ord. Alessandro D’Antonio, al Mar. Ord. Rosario Farnitano, al Brigadiere Capo Q.S. Antonio Di Criscio, ai Vicebrigadieri Nicola Berardis, Gildo Daniele Vattimo, Domenico Antonio Nicolai Massarelli e e Antonio Tartaglia e agli Appuntati Scelti Q.S. Antonio D’Andrea, Sergio Negro, Mauro Palladino, Fabrizio Perrone, Valter Garzia e Dario Novelli.

Nel corso della cerimonia è stata altresì consegnata la ricompensa dell’Encomio Semplice al Carabiniere Micaela Quattrociocchi particolarmente distintasi nel corso di un’articolata operazione di servizio antidroga svoltasi in Umbria tra il 2019 ed il 2020 che ha portato all’arresto di diversi pericolosi pregiudicati nonché al sequestro di un ingente quantitativo di sostanze stupefacenti.