Coronavirus, Riccia: l’appello di sindaco e amministrazione

101

torre di ricciaRICCIA – “Cari concittadini, i numeri dei contagi da coronavirus in Italia iniziano a mostrare un andamento piuttosto chiaro, purtroppo con un aumento costante e progressivo, e indicano che c’è una crescita significativa che inizia a manifestarsi anche nella nostra Regione. Bisogna inoltre considerare che i numeri che vediamo oggi risalgono ad almeno una decina di giorni prima; di conseguenza fra alcuni giorni sarà possibile sapere che cosa è avvenuto in questa estate e nei giorni intorno a Ferragosto.
Attualmente i dati indicano che l’ età media dei malati si è molto abbassata e che i giovani si stanno infettando di più. Noi riccesi siamo stati attenti e scrupolosi nel rispettare le regole durante il periodo del lockdown e ciò ci ha consentito di uscirne, tutto sommato, indenni. Ora dobbiamo ricominciare a porre la stessa attenzione di allora altrimenti rischiamo di trovarci fra 15 giorni di nuovo con casi di malattia da covid-19. Rischiamo, così come tutta l’ Italia, di ritrovarci in una situazione simile a quella avvenuta all’inizio della pandemia.

È il momento di agire. Le ultime misure adottate dal governo risultano essere appropriate, a partire dalla chiusura delle discoteche.

È giusto fare i test a chi rientra dall’estero, ma bisogna considerare che anche in Italia e nella nostra Regione ci sono molti luoghi affollati. Va infatti considerato che il virus agisce nelle situazioni in cui si sta insieme, accalcati, contravvenendo alle regole del distanziamento sociale.

Sappiamo bene ormai quali sono le raccomandazioni generali, ribadite dall’OMS, per ridurre il rischio di contrarre il virus, e pertanto invitiamo tutti a fare attenzione e a mettere in atto semplici comportamenti atti a evitare il contagio come ad esempio:

  1. Indossare la mascherina nei luoghi chiusi e anche nei luoghi aperti ove non sia possibile il distanziamento sociale
  2. Mantenere la distanza di almeno 1 mt dalle altre persone
  3. Evitare il contatto stretto con altre persone all’interno o davanti ai locali pubblici (bar, ristoranti, pizzerie, centri aggregativi, chiese ecc.)
  4. Lavare spesso le mani, soprattutto dopo aver avuto contatti con altre persone o con ambienti nuovi.

Poche semplici regole che ci aiutano a fare prevenzione e ad evitare di ammalarci. Confidando nel senso di responsabilità di ognuno ci auguriamo si riesca a trovare un giusto equilibrio per riuscire a bilanciare qualche sacrificio in più e la possibilità di proseguire le nostre attività”. È quanto si apprende nella nota del Sindaco di Riccia e dell’amministrazione comunale.