Corpus Domini, ambiente e mobilità al centro del Consiglio Comunale

17

comune Campobasso logoCAMPOBASSO – Diversi i temi trattati nel corso della seduta mattutina del consiglio comunale di Campobasso, svoltosi oggi in modalità mista. Dopo l’inizio dedicato al ricordo di Gino di Bartolomeo, si è entrati nel vivo dei lavori dell’assise con la risposta dell’assessore alla Cultura, Paola Felice, all’interrogazione dei consiglieri Trivisonno, Salvatore e Battista in ordine ai Misteri 2022.

“Già in data 8 Febbraio 2022 – ha dichiarato Felice – si è tenuto un tavolo di coordinamento convocato dall’Amministrazione comunale al quale hanno partecipato il Vescovo e il presidente dell’Associazione Misteri e Tradizioni. L’impegno preso da parte di ciascun soggetto è stato quello di avviare ogni attività utile per stabilire un protocollo condiviso per lo svolgimento della tradizionale Sfilata dei Misteri nel rispetto delle disposizioni antiCovid19 vigenti”.

Si è parlato poi di temi legati all’ambiente con la risposta data dall’assessore Simone Cretella, all’interrogazione della consigliera Chierchia (PD), sulla situazione delle istallazioni dei contenitori per la raccolta differenziata su via Mazzini.

“Per quanto concerne i parcheggi illegittimi, che si verificano vicino alle istallazioni per la raccolta differenziata su via Mazzini, si tratta di violazione al codice della strada sanzionabile, quando ravvisata, dagli organi di Polizia stradale e/o municipale. – ha chiarito Cretella – Va altresì aggiunto che, al netto della censurabile cattiva abitudine di parcheggiare in maniera irregolare, le operazioni di fruizione della stazione di conferimento da parte degli utenti, non vengono comunque inficiate in alcun modo dall’eventuale presenza di autovetture in fermata, visti gli spazi sufficientemente ampi da lasciare possibilità di conferimento in tutta sicurezza, certamente meglio che nel caso delle normali batterie di cassonetti ancora presenti in buona parte della città. Per quanto concerne la “visione” in merito alla scelta sperimentale in argomento, si conferma che tale sistema (o affine), ovviamente anche a seguito delle opportune valutazioni dei risultati conseguiti dalla sperimentazione in corso, sarà esteso nell’area murattiana e centrale della città dove non sarà possibile, per evidenti problematiche legate alla carenza di spazi minimi, estendere il sistema tradizionale “Porta a Porta” con mastelli/rastrelliere e/o bidoni condominiali”.

Sempre Cretella, come assessore alla Mobilità, ha risposto al Consigliere Sabusco (È ora) sulla viabilità pedonale tra via D’Amato e via Insorti d’Ungheria.

“L’innesto di via Insorti d’Ungheria da via D’Amato, costituisce da sempre un potenziale pericolo per i pedoni e necessiterebbe sicuramente di interventi di miglioramento. – ha detto Cretella – Al riguardo, sarà richiesta una valutazione tecnica al settore preposto al fine di individuare le più idonee soluzioni che possano mitigare la pericolosità dell’incrocio; in particolare andrà verificata la fattibilità, viste le ridotte dimensioni della carreggiata, della realizzazione di un tratto di marciapiede che consenta il transito in sicurezza dei pedoni almeno fino al secondo segmento della discesa, già protetto da barriere parapedonali. Per quanto attiene la segnaletica, il servizio mobilità è in procinto di avviare la procedura di gara per affidare il servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria della segnaletica ed, in tale ambito, si valuteranno tutti i necessari interventi mirati a migliorare la sicurezza dell’incrocio in argomento così come delle altre aree critiche della città”.

Il sindaco Gravina ha poi risposto alle tre diverse interpellanze presentate rispettivamente dal consigliere Tramontano (Lega), Esposito (Forza Italia) e Trivisonno e Battista (PD e La Sinistra per Campobasso), sulla situazione riguardante le lampade votive al cimitero cittadino.

“Intanto, siamo ben consapevoli dell’increscioso episodio che si è venuto a verificare e del disagio creato ai cittadini, – ha dichiarato Gravina – per questo va subito detto che visto il periodo trascorso per la riattivazione dell’energia elettrica, precisamente 18 giorni dal distacco, pur trattandosi di un importo esiguo per ogni canone (€. 0,90 + IVA) per ogni mese, gli utenti pagheranno non più per dodici mesi, bensì per 11. In data 31/12/2021 è scaduto il contratto di appalto dei Servizi lampade votive con la Società D.R. Multiservice di Guglionesi. – ha ricordato il sindaco – Al fine di garantire la continuità dei Servizi, veniva proposto un nuovo contratto per l’affidamento delle sole Operazioni cimiteriali alla Società, nelle more dell’espletamento di una nuova gara per l’affidamento dei Servizi Cimiteriali. La proposta dell’Amministrazione non è stata accettata e in data 01/02/2022 la Società, per tramite il suo gestore, ha provveduto al distacco totale della fornitura elettrica per i due cimiteri cittadini. Purtroppo, abbiamo poi verificato che addirittura erano stati rimossi i contatori, cosa quantomeno inusuale. Detto ciò, va sottolineato che il mancato versamento dell’onere percentuale fissato da contratto sulla stessa ditta, sul totale delle operazioni effettuate nelle ultime due annualità 2020 e 2021 da parte della Società D.R. Multiservice, che ci garantiva la copertura delle spese da impegnare per coprire il capitolo riguardante la manutenzione e copertura delle spese per allaccio nuovo gestore e pagamento bollettazione mensile, ha comportato un ulteriore allungamento dei tempi richiesti dalle procedure di riallaccio con il nuovo gestore. In data 18/02/2022, – ha detto in conclusione il sindaco – sono stati installati i due nuovi contatori e si è provveduto per il tramite del Responsabile Tecnico del Servizio e dell’elettricista del Comune, ad attivare l’accensione delle lampade votive. Il servizio è stato così ripristinato, si sta lavorando ancora su una parte di viale delle Campanule e Betulle, in quanto in quel settore si è accertato anche che il quadro di alimentazione era mancante di apparecchi utili all’accensione a causa di un furto”.