Creazione e interconnessione di percorsi naturalistici, tavolo tecnico a Isernia

26
percorsi naturalistici isernia
tavolo tecnico su percorsi naturalistici Isernia – Foto Comune di Isernia

ISERNIA – Ieri pomeriggio, nella sala consiliare del Comune di Isernia, si è riunito il tavolo tecnico-programmatico per la creazione e la interconnessione di percorsi naturalistici, convocato dalla vicesindaca Federica Vinci d’intesa con l’assessore comunale all’ambiente Vittorio Monaco.

L’incontro ha visto la partecipazione di varie associazioni e di singoli operatori del settore, che agiscono sul territorio per l’individuazione, la riscoperta e la messa a sistema di percorsi naturalistici facilmente raggiungibili e opportunamente segnalati, finalizzati a rendere maggiormente fruibile il territorio sia per i cittadini che per i potenziali turisti.

Presenti in sala anche il presidente del Consiglio comunale, Nicolino Paolino, e le consigliere comunali Nicolina Del Bianco ed Elvira Barone, nonché la presidente della IV Commissione consiliare Gemma Laurelli. In rappresentanza del comune di Macchia d’Isernia è intervenuto il vicesindaco Michele Mariani.

La riunione è stata aperta dalla vicesindaca Vinci che ha evidenziato la necessità di individuare e mettere in rete le diverse realtà del settore attive a Isernia e nel circondario, sottolineando anche il ruolo guida che deve assumere il capoluogo pentro per coordinarne le azioni.

L’assessore Monaco ha rappresentato l’importanza di raccogliere le proposte dei soggetti intervenuti all’incontro, e provare a realizzarle. L’obiettivo – a suo dire – deve essere quello di organizzare un progetto organico, unitario e ben strutturato.

Sono poi seguiti numerosi interventi da parte di rappresentanti delle organizzazioni del settore, sia di rilievo nazionale sia regionale, che operano a Isernia oppure in altre località del Molise.

Dal confronto di conoscenze e idee messe in luce dai presenti è venuto evidenziandosi un patrimonio naturalistico e sentieristico di assoluto valore e di grande attrazione, che può dare risalto oltre che alle semplici passeggiate anche alla fruizione attraverso il cavallo o la bici. Il fascino del paesaggio ricco di prati, boschi, laghi, fiumi e cascate, unito alla peculiarità della fauna e della flora, senza dimenticare la cultura e la gastronomia che taluni itinerari possono offrire, dimostrano una vocazione del nostro territorio verso un turismo ambientale fatto di salubrità e di bellezze.

Al termine, la vicesindaca ha invitato i presenti a far pervenire, via mail, proposte utili alla elaborazione progettuale di quanto emerso durante l’incontro.