Dpcm del 4 ottobre, Capone su fondi per le imprese più colpite

22

paolo caponeREGIONE – “L’ultimo DPCM firmato ieri sera dal Presidente Conte divide l’Italia in tre aree in base all’indice di contagio, ciò aggraverà ulteriormente il danno economico e il disagio sociale dei singoli territori colpiti dalle restrizioni totali o parziali. Ci domandiamo, in tal senso, se sono previsti maggiori incentivi e indennità per quelle regioni dove le piccole e medie imprese saranno costrette a chiudere completamente i battenti. Lo sconforto delle regioni meridionali è evidente, il rischio è che il divario fra Nord e Sud Italia si amplifichi ulteriormente.

Per tale ragione occorre dare subito delle risposte certe in particolare a quelle famiglie che da domani avranno serie difficoltà ad arrivare a fine mese. É necessario pertanto sbloccare gli investimenti a favore del Mezzogiorno, potenziare i finanziamenti a fondo perduto da erogare alle piccole e medie imprese, e incoraggiare attraverso incentivi le aziende che manterranno la propria sede nelle regioni meridionali, misure indispensabili per colmare il gap economico fra Nord e Sud Italia e favorire la ripresa”. Lo ha detto in una nota Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in merito all’ultimo DPCM firmato ieri sera dal Presidente Conte.