Esche sospette a Campobasso, in azione cani antiveleno

79

CAMPOBASSO – Cani antiveleno dei Carabinieri Forestali in azione per bonificare da esche avvelenate un’area nei pressi del cimitero di Campobasso dove a Ferragosto c’è stato un sospetto caso di avvelenamento di un cane. La zona, in passato, è stata teatro di episodi analoghi. In corso indagini per accertare l’autore del gesto che, ricordano i militari, è un reato penale.

“Purtroppo l’uso di esche avvelenate per uccidere fauna selvatica e domestica – evidenziano dal Comando provinciale – è un fenomeno diffuso sul territorio nazionale che comporta un danno ecologico, economico e affettivo”. Di fondamentale importanza l’ausilio dei cani antiveleno per l’attività investigativa e per la bonifica e messa in sicurezza del sito.

In caso di rinvenimento di esche o bocconi presumibilmente avvelenati o di animali con morte sospetta – è l’appello dei Carabinieri – telefonare al 1515 per attivare il Nucleo cinofilo antiveleno presso il Comando stazione Carabinieri forestali di Frosolone (Isernia) che opera su tutta la regione.