Filiera avicola e sviluppo industriale, i due risultati ulteriori raggiunti con il Mise

57

Laura FratturaCAMPOBASSO – “Con l’approvazione del piano di riconversione e ristrutturazione industriale abbiamo definito due ulteriori passaggi che segnano risultati altrettanto importanti. Si tratta di interventi che arricchiscono il ventaglio delle opportunità che stiamo mettendo in campo per accompagnare la ripresa del nostro tessuto produttivo e la risalita dei livelli occupazionali”. Lo dichiara il governatore del Molise, Paolo Di Laura Frattura (foto).

“Il primo – spiega Frattura – riguarda il contratto di sviluppo che costruiremo con il gruppo Amadori per il rilancio della filiera avicola: dal computo delle risorse definite nel piano di riconversione e riqualificazione industriale, 15 milioni da parte dai Ministeri competenti per i progetti che superano 1,5 milioni di euro di investimento e 21 milioni da parte della Regione a valere sul Por 2014-2020 per le iniziative imprenditoriali che rimarranno al di sotto dei 1,5 milioni, oltre allo stanziamento di 10 milioni per le politiche attive del lavoro, abbiamo tenuto fuori le risorse per il contratto di sviluppo”.

“Sul fronte del rilancio degli investimenti produttivi”, aggiunge Frattura, “ai 21 milioni di euro che come Regione abbiamo assicurato con i fondi del Por, aggiungiamo le risorse previste nel Patto per il Molise per un totale di ulteriori 30 milioni: 15 milioni di euro li abbiamo destinati al miglioramento delle zone industriali, a logistica e svincoli o a situazioni particolari delle aree industriali e delle zone Pip e altri 15 milioni varranno come bonus fiscali e contributi alle imprese”.