Gazebo del Movimento 5 Stelle anche domani in Piazza Stazione a Isernia

29

2020-06-28 gazebo m5s iserniaISERNIA – Dopo la pausa forzata a causa dell’emergenza Covid-19, il MoVimento 5 Stelle Isernia torna finalmente nelle piazze con i “Gazebo 5 Stelle”: insieme ai Cittadini, per confrontarsi sui temi, sulle proposte, sui progetti.

A partire da questo fine settimana e per tutto il mese di luglio, i portavoce e gli attivisti del M5S allestiranno i consueti banchetti informativi in previsione della tornata elettorale della prossima primavera, quando gli Isernini saranno chiamati ad eleggere il nuovo Sindaco.

Gli appuntamenti sono già stati programmati e ogni fine settimana il Gazebo 5 Stelle sarà organizzato nella giornata di sabato in Piazza Celestino V (Piazza Fontana Fraterna) e nella giornata di domenica in Piazza della Repubblica (Piazza Stazione).

“Un nutrito gruppo di lavoro è già all’opera per la stesura del programma amministrativo del prossimo quinquennio: prima dei nomi, infatti, occorre stabilire le cose da fare. Invece assistiamo proprio in questi giorni al solito sconcertante balletto di ipotetici candidati Sindaci ma nulla che riguardi i reali interessi della Città e dei Cittadini. Solo le solite “poltrone” da occupare e gli “amici” da piazzare senza avere ancora la benché minima prospettiva sul rilancio del capoluogo di provincia.

Per questo motivo abbiamo bisogno del contributo di tutti: di chiunque voglia partecipare attivamente oppure soltanto segnalare una idea, un progetto, un tema da approfondire.

Ci sarà, pertanto, una costante opportunità di confronto e di dialogo, per ascoltare e recepire le istanze che potranno essere inserite nel programma amministrativo della Città.

Rinnoviamo, quindi, il nostro invito non solo ai semplici Cittadini ma anche ai Comitati, alle Associazioni, alle rappresentanze di categoria, al fine di costruire un percorso condiviso che liberi finalmente la città dalle sabbie mobili in cui è stata scaraventata e dare una prospettiva di concreto sviluppo per gli anni a venire”. Si legge nella nota.